Politica

Elezioni Genova e Provincia, si vota fino alle 15: affluenza in netto calo

Genova. Urne di nuovo aperte nel capoluogo ligure dalle 7 di questa mattina. Gli ultimi dati ufficiali riguardo l’affluenza sono quelli di ieri sera alle 22 e segnalano un netto calo. A Genova ha votato il 40,92% degli elettori contro il 45,14% del 2007. Ancora ci sono diverse ore di tempo per esprimere il proprio voto, visto che le urne chiuderanno i battenti oggi pomeriggio alle 15, quando inizierà lo spoglio.

A Genova sono circa 503 mila gli elettori per 653 seggi. I tempi previsti per conoscere i nomi dei vincitori dell’ambita poltrona di Palazzo Tursi potrebbero essere lunghi, a causa del gran numero di liste, 25 in totale, con circa 40 nomi ciascuna. Anche la stessa modalità di voto, che può essere disgiunto, non faciliterà le procedure di spoglio delle schede elettorali.

Nel capoluogo ligure sono 13 i candidati sindaco, in ordine alfabetico: Susy De Martini, Roberto Delogu, Marco Doria, Simohamed Kabour, Enrico Musso, Orlando Portento, Paolo Putti, Edoardo Rixi, Giuliana Sanguineti, Simonetta Saveri, Armando Siri, Pierluigi Vinai, Giuseppe Viscardi. Si vota anche per rinnovare le amministrazioni locali di Arenzano, Ceranesi, Chiavari, Pieve Ligure, Rapallo e Rovegno.

Tra le curiosità: ci sono anche 312 ultracentenari e 4.385 neomaggiorenni che domani e dopo domani potranno votare per eleggere il nuovo sindaco di Genova. La città più anziana d’Europa avrà ai seggi un numero da record di cittadini con diritto di voto che hanno superato i 100 anni: 270 donne, 42 uomini.

Nella Provincia di Genova, oltre che nel capoluogo, si vota in altri 6 Comuni. Anche in questo caso l’affluenza è in calo. Ad Arenzano il 52,53% degli elettori contro il 56,71% delle precedenti amministrative, a Ceranesi il 51,18% contro il 57,87%; a Chiavari il 46,03% contro il 50,66%; a Pieve Ligure il 44,20% contro il 51,02%; a Rapallo il 41,99% contro il 50,16% e a Rovegno il 47,46% contro il 59,92%.