Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Genova, Burlando: “Doria vincerà il ballottaggio, ma resta il dato grave dell’astensionismo”

Genova. “Doria e il centrosinistra vinceranno al ballottaggio”. Così il presidente della Regione Claudio Burlando ha commentato con ottimismo il voto di ieri. “Resta il dato grave dell’astensionismo – ha aggiunto – C’è il rischio infatti che meno della metà degli elettori genovesi vadano a votare al ballottaggio. Oltre agli astensionisti mancheranno infatti molti degli elettori che non hanno più i candidati in corsa”.

Per Burlando, il centrosinistra deve continuare a spiegare come intende affrontare la crisi: “C’è qualcuno che cavalca la rivolta fiscale con esiti imprevedibili – ha detto -. Noi diciamo invece che le tasse vanno pagate e che si può però verificare se c’è la possibilità per alleviarne il peso. In Liguria abbiamo già introdotto una legge sulla ‘morosità’ incolpevole per sostenere chi ad esempio non riesce a pagare il riscaldamento per motivi seri. Domani con il direttore di Equitalia Befera discuteremo come andare incontro a imprenditori in difficoltà. Ad esempio per chi ha un debito verso lo Stato ma ha anche un credito. Si potrebbe vedere se compensare le cose, a una forma di rateizzazione”.

Burlando ha analizzato la situazione anche a livello nazionale. “Il dato politico più evidente è che noi del centrosinistra abbiamo tenuto, mentre i nostri avversari sono usciti piuttosto malconci dalle elezioni. Però c’è un problema grave per chi vuole governare tra un anno, la grande sfiducia nella politica”.

“Anche il Pd è stato colpito dall’astensionismo. Alla politica serve ancora maggiore credibilità ed etica – dice il governatore ligure -. Ma in giro non c’é indifferenza, anzi, vedo passione. C’é però critica verso il sistema, delusione. La gente vuole vedere se i partiti sono capaci di risolvere i problemi che questa crisi pone. Ma se dopo l’alluvione il Governo promette cento, poi dà metà e poi un terzo la gente cosa pensa?”.