Elezioni Chiavari, possibili apparentamenti al ballottaggio? Agostino: "Solo se non chiedono contropartite" - Genova 24
Politica

Elezioni Chiavari, possibili apparentamenti al ballottaggio? Agostino: “Solo se non chiedono contropartite”

Chiavari. Mancano poche sezioni ma per il nuovo sindaco di Chiavari si dovrà aspettare anche questa volta il ballottaggio. Come da previsioni, fra due settimane la sfida a due sarà tra il sindaco uscente Vittorio Agostino (liste civiche) e il candidato Roberto Levaggi, sostenuto dal Pdl.

“Al ballottaggio ci siamo già, tra quindici giorni ci giocheremo le ultime carte”. Queste le prime parole di Agostino chesull’andamento della sua lista ha commentato: “Mi aspettavo due o tre punti in più, però il partito maggioritario è quello dell’astensionismo che rappresenta il 37% dei voti. Confido che alcuni di questi non votanti vadano a votare per il secondo turno e lo facciano per noi”.

Anche a Chiavari come su tutto il territorio nazionale l’astensione ha toccato un nuovo record negativo: 4 chiavaresi su 10 non si sono recati alle urne. “La disaffezione alla politica ha coinvolto anche le amministrative, speravo che fossero considerate diverse, non è stato così – ha aggiunto il sindaco uscente – mi auguro che sappiano discernere il voto politico da quello amministrativo durante i prossimi 15 giorni”.

Quanto al risultato “Sono soddisfatto, siamo i primi in classifica e senza partiti né gruppi di interesse alle spalle come altri. Abbiamo un programma chiaro con i nomi e cognomi di chi formerà la giunta se sarò sindaco”. In vista della sfida con Levaggi si farà aiutare dagli esclusi? “Sì, ma senza contropartita” ha concluso Agostino.