Ballottaggio, Scialfa (Idv) smentisce i dissidi nel partito e precisa: “A Doria non abbiamo chiesto nulla" - Genova 24
Politica

Ballottaggio, Scialfa (Idv) smentisce i dissidi nel partito e precisa: “A Doria non abbiamo chiesto nulla”

Genova. Il capogruppo in consiglio regionale dell’Italia dei Valori, Nicolò Scialfa, smentisce le voci circolate negli scorsi giorni a proposito di problemi all’interno del partito, come le presunte dimissioni del segretario provinciale e il comportamento di alcuni consiglieri che si sarebbero presentati da soli a fare trattative in vista del ballottaggio.

“Il segretario provinciale non ha rassegnato le dimissioni e Anzalone non è andato a fare nessuna trattativa segreta, ma era stato invitato per un incontro sulle strategie che riguardano il ballottaggio – dichiara Scialfa – Ci sono le normali tensioni che esistono in tutti i partiti, solo che visto che riguardano l’Idv sono un pochino enfatizzate. Ieri sono stato all’esecutivo nazionale, assieme al coordinatore regionale Paladini, a Marylin Fusco, a Stefano Quaini e a Di pietro. La situazione è assolutamente normale, nulla di particolarmente significativo”.

E per quanto riguarda l’assegnazione delle poltrone in caso di eventuale vittoria del candidato Marco Doria, il capogruppo dell’Idv è altrettanto chiaro. “Noi non abbiamo chiesto nulla, anche perché capiamo le difficoltà che il nuovo sindaco avrà nella creazione della giunta. Siamo a sua disposizione e ci dirà lui che cosa dobbiamo fare – prosegue – E’ ovvio che l’Idv, essendo un partito che ha sostenuto il candidato sindaco, avrà un ruolo, ma come servizio, non come occupazione di spazi e di poltrone”.

“Se vogliamo essere più sinceri, non mi sembrano questi i tempi politici per reclamare niente sul piano personale – conclude Scialfa – La politica deve essere intesa come servizio, ognuno di noi deve mettersi al servizio della collettività”.