Cronaca

Attentato Adinolfi, imputato Nuove Br: “Viva la rivoluzione, è il momento buono”

Milano. E’ passata poco più di una settimana dell’attentato genovese a Roberto Adinolfi, e proprio stamattina Alfredo Davanzo, uno degli imputati del processo milanese alle Nuove Br, ha commentato l’accaduto: “Viva la rivoluzione, avanti la rivoluzione, questo è il momento buono”.

Davanzo, ritenuto il presunto ideologo delle Nuove Br del Partito Comunista Politico-Militare, é uno dei dodici imputati nel processo milanese d’appello ‘bis’ (la Cassazione ha infatti recentemente annullato le condanne disponendo un nuovo appello) ed è stato condannato nel precedente giudizio di secondo grado a 11 anni e 4 mesi.

In una pausa dell’udienza, alcuni cronisti si sono avvicinati alla gabbia dove stanno seguendo l’udienza cinque dei sette imputati detenuti (tra cui Claudio Latino, condannato a 14 anni e 7 mesi) e hanno chiesto ai presunti appartenenti alle Nuove Br: “Cosa pensate di quello che sta accadendo nel Paese, del ferimento di Adinolfi?”. Davanzo ha risposto: “Viva la rivoluzione, questo è il momento buono per la rivoluzione”.

All’inizio dell’udienza dalle gabbie erano stati mostrati anche i pugni chiusi da parte degli imputati, per salutare gli amici e i parenti ed altri giovani che stanno seguendo l’udienza.