Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sipario sulla terza edizione della “Storia in piazza”: 25 mila presenze

Genova. La terza edizione de “La Storia in Piazza dedicata al tema “Popoli in movimento”, chiude con un numero straordinario di partecipanti – 25.000 in 4 giorni, esclusa la serata con la conferenza di Stefano Rodotà alle 21 – bissando sostanzialmente il successo dello scorso anno.

Dalle 9.00 a mezzanotte Palazzo Ducale è stato letteralmente “invaso” da un pubblico eterogeneo, bambini, ragazzi, adulti, tutti interessati e coinvolti dalle discussioni, dai giochi, dagli spettacoli, dalle mostre e dal cinema, che hanno cercato di indagare il vasto tema dei movimenti dei popoli, dalla rivoluzione neolitica alle invasioni barbariche, dal Mediterraneo medievale alle migrazioni dei secoli XIX e XX. Un successo non scontato, che fa riflettere sul desiderio della gente di capire, di trovare nelle vicende storiche del passato risposte per il presente.

In tutto 51 relatori, 41 incontri, 8 mostre, 7 spettacoli, 150 laboratori e appuntamenti per bambini e ragazzi e, inoltre, una maratona no-stop di cortometraggi e documentari, concerti, degustazioni di vino e cibo. La formula con cui è stata concepita la rassegna – appuntamenti aperti a tutti – è stato il modo, come nelle intenzioni degli organizzatori, di parlare alla gente, uscire dalle università e soprattutto informare, far sapere anche ai più giovani che esistono molti modi di interpretare i fatti, aiutando a leggere i cambiamenti del mondo di oggi.

E come per ogni edizione, anche quest’anno è stata proposta una riflessione su alcuni “temi civili”. Cittadinanza e Appartenenza sono state le parole chiave affrontate alla luce dei continui cambiamenti sociali e dei conseguenti mutamenti che il significato di tali termini va acquisendo.

“La Storia in piazza” è stata curata da Donald Sassoon, professore ordinario di storia comparata presso il Queen Mary College di Londra, con Luca Borzani, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, e Antonio Gibelli, docente di Storia contemporanea, Università di Genova.

La mostra Uliano Lucas – Migrazioni. Il lungo viaggio rimarrà aperta – nella Loggia degli Abati di Palazzo Ducale – fino al 20 maggio. Orario: dalle 10 alle 18 – tutti i giorni – lunedì escluso – Biglietto: intero 6€ – ridotto 5€