Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto, playoff scudetto: il Camogli regge per due tempi, poi cede il passo al Savona

Camogli. Brescia contro Savona e Pro Recco contro Posillipo. Saranno queste le semifinali playoff. Mentre i campioni d’Italia in carica e i lombardi avevano chiuso la serie in due gare, i biancorossi e i napoletani hanno avuto bisogno della terza sfida per avere ragione delle avversarie.

Il Posillipo ha prevalso sull’Acquachiara per 7 – 6, dopo i supplementari. Ben più agevole il successo della Carisa che ha avuto la meglio sul Camogli per 11 a 7. Dopo due tempi equilibrati, i savonesi hanno preso il largo nelle ultime due frazioni di gioco.

Davanti a circa 500 spettatori, partono meglio i bianconeri. Dopo 54″ Sadovyy sblocca il risultato; mezzo minuto più tardi gli risponde Petrovic su azione di superiorità. Il Camogli torna a condurre con Valentino e questa volta la Carisa resta sotto per 1’45”, fino al pari di Aicardi. Per 5 minuti e 25 secondi non si segna, fin quando Luongo apre le marcature della seconda frazione andando a segno su rigore. Tocca a Fiorentini ristabilire la parità.

Il tema della partita non cambia: a 4’42” da metà gara Luongo porta per la quarta volta il Camogli in vantaggio. Questa volta i bianconeri tengono per 3’19”, fin quando Mistrangelo non infila in rete il 4 pari. L’equilibrio termina qui. A 37″ dall’intervallo lungo Damonte permette al Savona di ottenere il primo vantaggio. Nel terzo tempo la difesa biancorossa chiude gli spazi e in fase offensiva i ragazzi guidati da Pisano colpiscono per tre volte a uomini pari, con Mistrangelo, Rizzo e Aicardi. Nel frattempo Nikolic viene ammonito per proteste.

Con 4 reti di vantaggio, la squadra di casa può affrontare la quarta frazione con tranquillità, ma preme ancora sull’acceleratore e nei primi 99 secondi va a bersaglio con Damonte e Petrovic. Dopo ben 15 minuti e 12 secondi di astinenza, i bianconeri si sbloccano trovando la rete con l’ex Astarita. Ma ormai i giochi sono chiusi. Mistrangelo rimpingua il bottino dei padroni di casa, che negli ultimi scampoli di gioco rifiatano. Luongo dai cinque metri e Morena rendono meno pesante il passivo del Camogli.

Sul piano statistico, emerge la prova della difesa savonese in inferiorità numerica, trafitta solamente 3 volte in 12 occasioni, oltre ai 2 rigori. Per i locali 7 su 12 con l’uomo in più.

Il tabellino:
Carisa Rari Nantes Savona – Rari Nantes Camogli 11 – 7
(Parziali: 2 – 2, 3 – 2, 3 – 0, 3 – 3)
Carisa Rari Nantes Savona: Volarevic, Alesiani, Damonte 2, Petrovic 2, L. Bianco, Rizzo 1, Janovic, Angelini, G. Bianco, Mistrangelo 3, Aicardi 2, Fiorentini 1, L. Fulcheris. All. Andrea Pisano.
Rari Nantes Camogli: Ferrari, Morena 1, Presciutti, Luongo 3, Fondelli, Cupido, Valentino 1, Steardo, Sukno, Nikic, Astarita 1, Sadovyy 1, Gardella. All. Emil Nikolic.
Arbitri: Fabio Collantoni (Porto Santo Stefano) e Stefano Pinato di Genova Nervi. Delegato Fin: Maggiolo (Genova).

Sabato 28 aprile alle ore 18,30 si disputerà gara 1 dei quarti di finale, sia a Brescia che a Sori. Gara 2 tra Pro Recco e Posillipo è in programma venerdì 4 maggio alle ore 20,30, mentre Savona e Brescia si affronteranno alla Zanelli domenica 6 maggio. Eventuale gara 3: martedì 8 maggio a Sori e mercoledì 9 maggio a Brescia.