Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, si riparte dal Delneri e Farias. Prima però bisogna portare a casa la pelle

Più informazioni su

Genova. Inutile nascondersi dietro un dito, Genoa-Siena è la gara della vita. Fallire contro i bianconeri spalancherebbe le porte della già vicinissima zona retrocessione. Se da una parte i 3 punti sono d’obbligo, dall’altra si spera in un passo falso della “concorrenza”. Il Lecce è impegnato nella ben poco agevole trasferta romana in casa della Lazio, Parma e Cagliari invece si scorneranno fra loro. Turno casalingo per la fiorentina che ospita la rinata Inter di Stramaccioni.

Insomma, vincere permetterebbe ai rossoblù di tornare a dormire sonni più tranquilli. Senza contare che il Siena porta alla mente solo ed esclusivamente bei ricordi. Al Franchi il Grifone ha strappato l’ultima vittoria lontano dal Ferraris, era il 12 dicembre. Bisogna ripetere l’impresa del Franchi, quel giorno andarono a segno Rossi e Palacio. I tifosi sognano un bis, vanno bene i gol di chiunque.

A Pegli proseguono gli allenamenti, Malesani non vuole lasciare nulla di intentato. La salvezza non gli consentirebbe di conservare la panchina nella prossima stagione ma permetterebbe a lui e alla squadra di concludere la stagione con un “grazie e arrivederci”; sicuramente si eviterebbe un dramma sportivo.

Dal campo del Signorini arrivano buone notizie da Antonelli e Constant: i due giocatori migliorano ma sono ancora però ben lontani dal top della condizione. Malesani potrà contare su un Kucka in più ma perde Moretti per squalifica. Sicuramente assente contro il Siena anche Belluschi.

Tutti concentrati sul presente ma a Villa Rostan qualcuno sta già buttando le basi per un futuro più sereno. Nessuno ha intenzione di rivivere una stagione travagliata come quella di quest’anno. Sembra ormai scontato l’arrivo di Sean Sogliano, ricoprirà il ruolo di direttore sportivo complice anche l’addio di Capozucca.

A lui il compito di scegliere il nuovo allenatore. Fino a qualche giorno fa il nome di Sannino (Siena) era quello su cui puntare a occhi chiusi. Nelle ultime ore è però tornato di moda il nome di Luigi Delneri. L’eroe del trionfale quarto posto sampdoriano potrebbe essere l’uomo giusto per riportare entusiasmo e serenità a un ambiente che attualmente si nutre solo ed esclusivamente di pessimismo e fastidio. La Nord si ritroverebbe ad ammirare un 4-4-2 tanto semplice quanto dinamico e redditizio.

Che sia Sannino o Delneri, Preziosi continua a monitorare il mercato a caccia di talenti. L’ultima suggestione porta all’attaccante della Nocerina Farias. Il suo cartellino è nella mani del Chievo, club con il quale si dovrà discutere del riscatto di Acerbi. Il difensore è pure diventato un obiettivo del Milan. Ceduto a titolo definitivo al Werder Brema il greco Sokratis: nelle casse rossoblù entrano 4 milioni di euro.