Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, i tifosi e il ritorno di Malesani: buon viso a cattivo gioco

Genova. L’ironia della sorte ha scambiato Natale con Pasqua e Malesani con Marino. In casa Genoa, passati più di tre mesi, tutto è diventato il contrario di tutto. Era il 22 dicembre e il patron Preziosi commentava l’avvicendamento sulla panchina rossoblu che vedeva Pasquale Marino subentrare ad Alberto Malesani con un: “Non si poteva andare avanti così”. Marino si dichiarava entusiasta :“Il presidente mi ha fatto il regalo di Natale più bello”. Malesani taceva, a un passo dal panettone. Galeotta fu la sconfitta con il Napoli, terminata 6 a 1. E galeotta è stata questa volta l’Inter del giovane Stramaccioni, che ha sconfitto il Grifone 5-4, decretando la fine dell’era Marino sulla panchina genoana.

I tifosi per il momento si dividono, preoccupati anche per l’inchiesta sul calcioscommesse. In rete il mugugno si legge, accompagnato però da un richiamo all’obiettivo principe: “In questo momento c’è bisogno di tutti, i processi si faranno alla fine, e sicuramente, qualuque cosa succeda, si assisterà all’ennesima rivoluzione, ma ora è troppo importante remare dalla stessa parte”, scrive Svolta sul muro di Grifoni.net.

C’è anche chi fa la media con gli esoneri.”Con il ritorno di Malesani, si giunge al quarto esonero in 17 mesi circa. La media è imbarazzante: 1 esonero ogni 4 mesi circa. Follie del calcio moderno (e forse dei tempi moderni) allo stato puro! Quando la trovi la continuità con questi ritmi? – commenta un altro tifoso – Vediamo dove porterà tutto questo “esaurimento”…Non mi resta che pregare nel bene del “male”. Grazie comunque mister Marino!”.

E chi invece è perplesso: “Prima che arrivasse e durante, tutti contro Malesani ora che Marino ha fallito, Malesani è diventato il salvatore? Boh”.

Senza dimenticare i puntini sulle “i”: “Quando è stato mandato via Malesani, speravamo ancora di riuscire a trovare un buon architetto che ci costruisse la nostra bella casetta bifamiliare – scrive CarlFriedrichGauss – Ora da Malesani ci aspettiamo solo un signore che riesca a raccattare due pezzi di lamiera per coprirci la testa e non farci piovere in casa per i prossimi due mesi. Non era certo quello per cui era stato chiamato Marino e, quindi, esonerato lo stesso Malesani”.

Infine, la speranza: “Purtroppo questa è una stagione schizoide e non si riesce a lavorare con calma, spero tanto che da giugno si riesca a dare avvio a un ciclo vero, di 3-4 anni almeno, senza tutte sti mal di panza presidenziali”, è l’auspicio di Pulpfiction 81.