Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa-Cesena: le nostre pagelle

Più informazioni su

Difficile trovare qualche sufficienza. A sud il Lecce ora corre con il vento in poppa, il Genoa invece sembra atterrito da fantasmi altrui che ora sembrano comprenderla.

Frey 7 – tra i pochi a salvarsi, si sbatte, para tutto il parabile. Alza bandiera bianca solo con Mutu. Desolato.

Mesto 5 – alla fine il taccuino dice un cross azzeccato su 8, dietro prende un bel po’ di bambole. Giostraio.

Granqvist 5,5 – quanta ruggine ancora addosso dall’infortunio, certo che almeno in quota e nei contrasti riesce a uscirne spesso vincente. Altalenante.

Kaladze 5 – un tempo di sportellate e sofferenza. Rottamato. Dal 46’ Bovo 5,5 – difficile chiedergli di più, eppure considerato qualità e costo si potrebbe pretendere. Svalutato.

Moretti 5 – ha recuperato in extremis e si vede. Zoppicante.

Rossi 6,5 – si salva per il gol, si salva per la grinta e per i km. Cuore.

Biondini 5,5 – il campanello d’allarme sulle sue prestazioni già era suoanto a Novara, emergono i limiti tecnici, non lo strapotere fisico. Sottotono.

Veloso 5 – nella mediocrità generale emerge per pulizia tecnica, ma a tratti sembra indolente. Mistero.

Palacio 5,5 – sente la pressione, si perde in litigi con l’arbitro e in giocato non inappuntabili. Spennacchiato.

Gilardino 5 – aveva illuso con la sua capacità di attrarre e tenere palla, ora gli manca anche quello e lascia Palacio vagolare da solo nella metà campo avversaria. Abulico.

Sculli 5,5 – come molti dei suo compagni non trova la quadra delle giocato, lo salva la tempra e la voglia. Tenace. Dal 65’ del st. Jankovic sv – entra nel peggior momento dei rossoblù e naufraga con gli altri. Titanic.

Malesani 5 – se uno nasce quadrato, non può uscire tondo. Impiastricciato.