Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa alla prova sintetico. Von Bergen parla già da rossoblù

Più informazioni su

Genova. Novara-Genoa è una di quelle partite che valgono un’intera stagione. A inizio campionato nessuno avrebbe potuto pronosticarlo. La classifica però parla chiaro, per salvare la pelle il Grifone è costretto a vincere. Quel margine di 6 punti che consente ai rossoblù di guardare la zona retrocessione dall’alto in basso va mantenuto a tutti i costi.

Quella con i piemontesi è una partita da prendere con le molle. Vuoi perché il Novara ha bisogna di punti come l’uomo di ossigeno, vuoi perché nella formazione di Tesser militano vecchie conoscenze rossoblù. E la regola dell’ex non c’è bisogna di ricordarla. Di questi tempi fa paura persino Caracciolo, il giocatore più bersagliato dai tifosi genoani da inizio campionato a gennaio.

Tra le insidie del Piola anche il prato sintetico. Una rarità assoluta nel campionato di Serie A, una particolarità che rischia di creare più di un grattacapo a Rossi e compagni. Non è un caso che la truppa rossoblù si sia trasferita in Piemonte con un giorno di anticipo. La rifinitura di oggi si svolgerà proprio sul verde dell’impianto che domani ospiterà la partita.

Superato lo scoglio terreno, Malesani dovrà decidere su quale 11 puntare per strappare i 3 punti. Nella lista dei convocati ricompaiono anche Granqvist e Kucka. Ed è proprio a centrocampo che rimangono le maggiori incognite. Lo slovacco potrebbe soffiare una maglia da titolare a Veloso. Problemi di abbondanza che non sembrano preoccupare il tecnico richiamato alla base dopo l’esonero di dicembre. Vista la missione che attende il Genoa, può servire l’apporto di chiunque.

Augurandosi una salvezza serena, i tifosi rossoblù possono esultare per l’ormai imminente arrivo di Von Bergen. Il difensore del Cesena non vede l’ora di vestire la casacca del Grifone: “Nel calcio si prendono delle decisioni e non posso nascondere che da luglio sarò del Genoa- ha confessato a romagnanoi.it- Mancano ancora due mesi e fino a quel momento sarò un giocatore del Cesena. Ci sono ancora otto partite e per i bianconeri darò tutto fino all’ultimo. Sono arrivato a Cesena due anni fa con l’intenzione di dimostrare che posso giocare in serie A; adesso mi è stata data l’opportunità di giocare per un’altra squadra con altri obiettivi e non me la sono lasciata scappare”.

Nel frattempo la Lega Calcio di serie A ha annunciato che Bologna-Genoa, partita in programma domenica 29 aprile, verrà giocata alle 12.30.