Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Genova, Tosi appoggia Rixi: “Persona onesta, lista civica per aprire ad altri elettori”

Genova. Anche il sindaco di Verona, il leghista Flavio Tosi, oggi è arrivato a Genova per sostenere la candidatura a sindaco di Edoardo Rixi. “La gente sa quanto Rixi sia capace e quindi lo voterà – dichiara – Serve molta concretezza su quelli che sono i problemi della città, stare in mezzo alla gente, ma questo per la Lega non è difficile ed essendo concreti, per noi è facile individuare problemi e soluzioni. E poi la gente ti valuta nel corso del tempo, se mantieni la parola ti conferma la fiducia altrimenti te la toglie”.

Tosi ha anche parlato dell’importanza delle liste civiche, come la sua ai tempi dell’elezione e quella di Rixi, appunto. “E’ il modo migliore e forse l’unico per riuscire a ricevere voti anche da chi non è un elettore della Lega”. Per il sindaco di Verona, Genova ha bisogno di rinnovamento e di una ventata di aria nuova. “Dal punto di vista economico trovo che sia in sofferenza, fatto dimostrato dal calo costante del numero di abitanti – ha dichiarato – mi sembra una città un po’ ferma dal punto di vista dello sviluppo, che necessita di maggiore cura, anche per aumentare l’afflusso turistico, visto che la pulizia, il decoro e la sicurezza sono elementi fondamentali e molto apprezzati dai visitatori”.

E a proposito di decoro e sicurezza, Tosi ha parlato del contrasto al commercio abusivo. “Praticamente a Verona non esiste più perché abbiamo attuato un controllo notevole del territorio, eliminando le basi operative e soprattutto attuando una norma dello Stato, del 2006, che prevede mille euro di multa per chi compra merce contraffatta, quindi colpisce il cliente, scoraggiandolo totalmente all’acquisto. Questa norma potrebbe essere applicata anche a Genova”.

Intanto il candidato Rixi prosegue la sua campagna elettorale e fa anche un piccolo accenno al ballottaggio. “Proseguirò questa campagna elettorale come ho fatto in questi giorni, andando in mezzo alla gente ad ascoltare i problemi. Lo scopo è il confronto con i cittadini anche per spiegare il motivo per cui in questo momento è importante rinnovare la politica a tutti i livelli, dai partiti alle istituzioni – dichiara – se andremo al ballottaggio noi non ci saranno problemi, ma se andranno altri, ogni elettore sceglierà con la propria coscienza. E’ chiaro che secondo me votare Doria, che non rappresenta assolutamente una novità, sarebbe un errore, ma ognuno prenderà le proprie decisioni”.