Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Genova, Rixi: “Doria è incoerente e la sua sarà una giunta Vincenzi bis, serve la svolta”

Più informazioni su

Genova. Ieri il candidato sindaco Marco Doria ha presentato il proprio programma e subito si sono scatenati i commenti degli altri candidati, compreso quello di Edoardo Rixi (Lega Nord), che critica Doria, considerandolo incoerente. “Credo che Doria non riesca a essere coerente neanche con se stesso. In un mese ha cambiato più volte opinione sulla Gronda, sui servizi sociali ed altro – dichiara – I genovesi dovrebbero conoscere tutti i candidati sindaci prima di decidere, ma il problema è che in città si fanno troppo pochi confronti e soprattutto su problemi concreti dei cittadini che non sono solo le grandi infrastrutture, ma anche il vivere quotidiano, il degrado e i lavori nei cantieri che non vanno avanti”.

Sul fatto che il programma del candidato del centrosinistra non lasci perplessi soltanto gli avversari, ma anche alcuni schieramenti della coalizione, Rixi commenta: “Hanno deciso di votarlo alle primarie e chi è causa del suo mal pianga se stesso. Noi crediamo che Genova abbia bisogno di una svolta, che Doria non rappresenta, visto che ha quasi tutti gli uomini della Vincenzi nelle sue liste – spiega – Questo, quindi, vuol dire fare di nuovo un po’ di maquillage per tenere il potere in città, mentre la nostra idea è quella di fare una rivoluzione, partendo da progetti innovativi, partendo dai giovani, dal rilancio economico della città e soprattutto dalla cura delle strade e delle delegazioni, perché Genova ha bisogno di rinascere”.

E sulla possibilità che Doria possa essere “schiavo” di Sel, con il Pd in minoranza in consiglio, Rixi conclude: “Alla fine ha dietro di sé molte lobby che nei tempi passati hanno bloccato la città e non credo lui possa essere rivoluzionario. Sarà solo una giunta Vincenzi bis, con una faccia diversa, e questo Genova non può permetterselo”.