Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Genova, Musso sfida Doria: “Parla di ‘una minoranza disonesta’ nel Pd? Faccia i nomi”

Genova. Marco Doria dice di voler scardinare “il sistema di potere del centrosinistra a Genova”, e lo sfidante Enrico Musso invita “a non credergli. D’altronde – dichiara il candidato sindaco di Genova a seguito delle ultime dichiarazioni dello sfidante di centrosinistra – si troverebbe a scardinare le porte di casa propria”.

Anche oggi su Twitter Marco Doria ha ribadito la sua intenzione rispondendo di aver bisogno “di molti altri cittadini, da solo non ce la posso fare” e sottolineando però che “nel PD la maggioranza è composta da cittadini onesti, impegnati. Ho vinto primarie, credo nella coalizione di centrosinistra”.

Di qui il contropiede di Musso: “Il sistema di potere di cui parla si basa su una ragnatela di interessi, di posizioni, di nomine e di accordi che certo il candidato espressione dell’intreccio tra Pd e altri partiti della sinistra non può essere in grado di rompere. Il filone d’inchiesta sui rapporti tra cooperative e fondazioni pubbliche, per come sta emergendo dalle carte in mano alla Procura di Genova, appare solo la punta di un iceberg”, prosegue Musso.

“Se Doria vuole smentirmi, lo faccia. E dato che su Twitter precisa che ‘nel Pd c’è una maggioranza composta da cittadini onesti’, cosa di cui non dubitiamo, ci dica invece da chi sarebbe composta la minoranza – conclude Musso – Lo sfido a farlo pubblicamente, indicando i nomi sui quali ha sospetti tra i suoi compagni di strada del Partito Democratico e dei partiti minori della sua coalizione”.