Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Sestri Levante verso la serie D: nuovo manto in erba per la prossima stagione, poi il passaggio al sintetico

Sestri Levante. La Commissione Campi dell’Interregionale ha già fatto un primo sopralluogo allo stadio Sivori ed è arrivata l’idoneità alla nuova categoria ma con riserva.

La struttura è già a norma per la serie D: ci sarà da definire qualche dettaglio negli spogliatoi ma si tratta, appunto, di ritocchi e non di interventi massicci. Il problema grosso è il campo, o meglio il manto erboso. Che ormai non c’e più. I commissari della serie D sono stati chiari: in queste condizioni, non si può giocare sul Sivori. La società del presidente Mario Arioni, ovviamente, ne era già a conoscenza e, infatti, già dalle settimane precedenti alla promozione, ci sono stati contatti e incontri con l’amministrazione comunale (l’assessore allo Sport, Enrico Pozzo) per capire come intervenire. Due le possibilità: rifare il manto erboso oppure passare al sintetico.

La prima strada portava alla partecipazione ad un bando regionale per il finanziamento delle strutture sportive ma, proprio in questi giorni, è stata prorogata la scadenza di tre mesi e, pertanto, i tempi si sono allungati ed eventuali lavori, per la posa dell’erba sintetica, non sarebbero terminati per l’inizio della stagione. Cosi, sarà adottato il piano B: rifacimento del manto erboso naturale, con nuova semina del campo. I lavori partiranno a maggio, non appena finita l’attività, e il “nuovo” Sivori in erba sarà consegnato per la metà di agosto, in tempo per il debutto in Coppa Italia.

Alla fine della prossima stagione, quindi il grande passo: lo stadio Sivori, uno dei pochi ormai rimasti in erba naturale, passerà al sintetico, per eliminare definitivamente il problema campo che, in questi anni, fra Eccellenza e serie D, ha sempre tormentato il Sestri Levante che, non a caso, ha preso in gestione una seconda struttura, a Carasco, al fine di poter affrontare meglio la problematica Sivori.

Nelle intenzioni del club rossoblù, pronto al ritorno in serie D dopo alcuni anni in Eccellenza, ci sarebbe quella di preservare il nuovo manto erboso naturale del Sivori ed utilizzarlo solo per le partite interne della prima squadra e spostare gli allenamenti sul nuovo campo, in sintetico, di Carasco. Sarà cosi, almeno per una stagione. Poi, con il cambiamento dall’erba al sintetico, anche il campo Sivori potrà fare gli straordinari, proprio come il Comunale di Chiavari o il Riboli di Lavagna, ormai abituati ad allenamenti giornalieri di più squadre e a numerose partite nel weekend.