Politica

Caccia, Legambiente soddisfatta: “Bene le dichiarazioni dell’assessore Briano”

Regione. La Corte Costituzionale ha accolto il ricorso del governo e dichiarato illegittima la legge ligure che istituiva il calendario venatorio triennale regionale, ribadendo l’obbligo di emanare il calendario attraverso un atto amministrativo e di dargli durata annuale e non pluriennale.

La Regione Liguria, tramite il proprio assessore all’ambiente Renata Briano, ha dichiarato di stare già lavorando in coerenza con le indicazioni della Corte e di essere sul punto di organizzare incontri specifici per definire un testo maggiormente equilibrato.

“Leggiamo con favore le dichiarazioni dell’assessore Briano – commenta Elena Dini, direttrice Legambiente Liguria – per mettere mano definitivamente ad una politica che ci aveva messo all’angolo persino in Europa. Nei prossimi incontri proposti dalla Regione bisognerà affrontare passaggi molto delicati, come gli standard minimi di tutela, tra cui la definizione della lista delle specie cacciabili e dei tempi di caccia”.

“Crediamo sia un ulteriore atto di responsabilità – conclude Dini – mettere in agenda da subito gli incontri che l’assessore Briano ha proposto, coinvolgendo in prima istanza quelle organizzazioni che fanno della tutela dell’ambiente e della protezione della natura la loro mission fondamentale”.