Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bufera in casa Lega Nord: espulsi Belsito e Rosy Mauro

Milano. Il Consiglio federale della Lega Nord ha espulso Rosy Mauro e l’ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito. Si salva Renzo Bossi. La decisione durante la riunione di ieri sera in via Bellerio durata circa tre ore.

“Il Consiglio Federale all’unanimità ha decretato l’espulsione dal movimento della stessa senatrice Mauro, ritenendo inaccettabile la sua scelta di non obbedire ad un preciso ordine impartito dal Presidente Federale e dal Consiglio Federale”, si legge nel comunicato del massimo organo decisionale della Lega Nord, in cui si precisa che Mauro ha respinto la richiesta di dimissioni avanzata dal “presidente Federale, Umberto Bossi, dai triumviri e da tutti i componenti del Consiglio Federale”.

Durante la riunione la ‘nera’ avrebbe strenuamente difeso la sua posizione negando ogni responsabilità e sostenendo sempre la sua linea difensiva in merito alla sua estraneità ai fatti. Prima della decisione di espellerla, con la vicepresidente del Senato hanno parlato in tanti ma lei non ha arretrato di un passo: decisa a non rassegnare le dimissioni. La ‘pasionaria’ ha continuato ad assicurare di non aver preso un soldo, di essere in buona fede e di poterlo provare. A puntare i piedi sull’espulsione di Mauro sarebbe stato Roberto Maroni che avrebbe imposto un aut aut: ‘o via lei o via io’.

Al momento di votare, a quanto si apprende, il Senatur si sarebbe allontanato dalla sala del Consiglio. Lo stesso avrebbe fatto Marco Reguzzoni. Per quanto riguarda Renzo Bossi, dimessosi dal Consiglio regionale, la sua posizione non è stata affrontata oggi. Nel corso della riunione della Lega invece è stato deliberato “che il Congresso Federale della Lega Nord si terrà a Milano nelle giornate di sabato 30 giugno e domenica 1 luglio”.

Il massimo organo decisionale del Carroccio ha inoltre stabilito “che tutti i congressi nazionali si dovranno svolgere entro la data del 3 giugno e che gli ultimi due congressi nazionali, quello della Lombardia e quello del Veneto, si terranno rispettivamente nelle giornate di venerdì 1 e sabato 2 giugno e di sabato 2 e domenica 3 giugno per evitarne la concomitanza”.