Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bufera in casa Lega Nord, Belsito era il referente politico per accordo Fincantieri-Bonet

Milano. Continuano ad emergere nuovi risvolti nella intricata vicenda che vede indagato l’ex tesoriere della Lega Nord, Francesco Belsito. Secondo l’informativa della Dia di Reggio Calabria proprio lui era “il referente politico per un possibile accordo economico tra la Fincantieri e la Polare del valore di circa cento milioni di euro”.

L’accordo tra la Fincantieri e la Polare, società dell’imprenditore veneto Stefano Bonet, poi non è stato concluso. Agli atti c’è l’intercettazione di una telefonata del 9 dicembre 2011 tra Bonet e Belsito. “Bonet – sintetizza la Dia – lamentava che l’ufficio legale di Fincantieri gli aveva mandato una bozza di contratto che nulla aveva a che vedere con il modello Polare e che con quella tipologia avrebbe acquisito un risultato economico pari a 300 mila euro l’anno mentre con il loro modello avrebbe avuto garantito un risultato di 30 milioni. Belsito invitava Bonet a mandare indietro il documento con le dovute modifiche”.