Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Verso le elezioni: 2 e 3 aprile termine ultimo per presentare le candidature

Nei sette Comuni della provincia di Genova, coinvolti nella tornata amministrativa del 6 e del 7 maggio, scatta da oggi la pubblicazione, a cura dei sindaci, dei manifesti di convocazione dei comizi elettorali con i quali viene dato avviso agli elettori della data del primo turno di votazione (e dell’eventuale turno di ballottaggio)

La macchina elettorale è in definitivo movimento verso l’appuntamento con le urne.
I termini per la presentazione delle candidature per l’elezione alla carica di sindaco e di consigliere comunale sono fissati per il 2 aprile dalle ore 8 alle 20 e il 3 aprile, dalle 8 alle 12. Si tratta di fatto di un’anticipazione dei termini per la presentazione delle liste e dei candidati per evitare l’apertura degli uffici comunali nei giorni di Pasqua e del Lunedì dell’Angelo.

I sei Comuni al voto sono Genova, Rapallo, Chiavari, Arenzano, Ceranesi, Rovegno e Pieve Ligure. Nell’ambito delle misure per il contenimento delle spese degli enti locali, recenti disposizioni normative hanno modificato la composizione dei consigli comunali, riducendo il numero dei consiglieri da eleggere nei Comuni compresi nelle fasce demografiche sino a 10.000 abitanti. La riduzione si aggiunge a quella del 20% già disposta con la legge finanziaria 2010 per tutti i Comuni.

A decorrere da oggi, inoltre, la comunicazione politica radiotelevisiva deve svolgersi in forma di tribune politiche, dibattiti, tavole rotonde, presentazione in contraddittorio di candidati e programmi politici, interviste e ogni altra forma che consenta il confronto tra le posizioni politiche e i candidati che sono in competizione. Inoltre da oggi, e fino alla chiusura delle operazioni di voto, in qualunque trasmissione televisiva sarà vietato fornire indicazioni di voto o manifestare le proprie preferenze.
Nel complesso nazionale sono 1019 i Comuni impegnati nelle elezioni di primavera. Circa 9 milioni gli elettori coinvolti.