Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Truffe online coinvolgono 1 cittadino su 3: pronto un vademecum per non subire raggiri foto

Più informazioni su

Genova. Le truffe online ormai sono all’ordine del giorno e coinvolgono sempre di più le persone anziane, le più ingenue tecnologicamente parlando. Per proteggerli dai problemi legati alla sicurezza su internet, Poste italiane e Polizia di Stato hanno collaborato per la realizzazione di una serie di consigli da seguire: “Con il vademecum che abbiamo prepararto cerchiamo di riportare agli anziani tutti i problemi in cui possono cadere navigando sul web ed usando il computer – afferma Roberto Surlinelli, direttore tecnico capo della Polizia Postale – Il phishing è sicuramente la forma di truffa finanziaria più diffusa online, ma sensibilizziamo anche nell’utilizzo dello sportello automatico per ritirare contante. Spesso gli anziani possono ritrovarsi con la loro tessera clonata”.

Quante persone sono coinvolte in questi problemi legati alle nuove tecnologie? “Non abbiamo visto un particolare aumento di questo tipo di truffe, purtroppo sono costanti: un cittadino su tre è coinvolta nel furto d’identità”. Tra i consigli contenuti nel vademecum c’è ad esempio l’avviso di non fornire codici d’accesso alle aree personali dei diversi servizi tramite e-mail.

Contro i tentativi di raggiro questi semplici consigli utili saranno ora facilmente reperibili dagli anziani: “Noi abbiamo fatto la scelta di condividere questa iniziativa della Polizia Postale perché è necessario fornire dell’informazione seria e semplice per proteggeri dalle truffe online – dichiara Pietro La Bruna, responsabile dell’area Nord Ovest di Poste Italiane – Abbiamo preparato questo vademecum che si potrà trovare nei 469 uffici della Liguria a partire dal 2 aprile”.