Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tensione in maggioranza, Burlando su pratica Villa Scassi: “Non voto, non sono cose serie”

Genova. La pratica Villa Scassi torna in Commissione, dopo la dichiarazione di voto del presidente Claudio Burlando sull’ordine del giorno di Italia dei Valori sull’Ospedale di Sampierdarena sostenuto anche da Sel e Fds: “Non posso votare – ha detto in aula – una cosa legata alla campagna elettorale in atto. Non si può dire ai dirigenti della Asl di non attuare la riduzione delle strutture complesse dopo che li abbiamo obbligati a farlo con un atto amministrativo di questo stesso Consiglio”.

Il documento sottolineava l’importanza della presenza della Chirurgia vascolare nell’ospedale, mentre i piani, ha ribadito ieri anche l’assessore alla sanità Claudio Montaldo, prevedono il suo trasferimento all’Ospedale San Martino.

“Andare a depotenziare Villa Scassi è inconcepibile – aveva detto il presidente della commissione Sanità, Quaini (Idv) – Togliere la chirurgia vascolare toracica in quel contesto implica conseguenze pesanti per i pazienti; quella è la zona della città dove si registrano più accoltellamenti e lesioni toraciche, quindi si creerebbe un disservizio profondo”. E sulla chirurgia vascolare il consigliere dell’Idv era altrettanto critico “perché Villa Scassi, anche in questi numeri, è uno degli ospedali migliori della Liguria”.

Ma Burlando un po’ a sorpresa ha detto: “Anche se sono in minoranza, non voto cose non serie”, ottenendo l’appoggio del Governatore. Bagnasco (Pdl), Morgillo (Pdl) e Pellerano (Lista Biasotti) gli hanno dato ragione “perché non era possibile votare un documento che andava contro un atto amministrativo”. “Cose giuste – ha detto Morgillo – sono state affrontate nel modo sbagliato”.

Il documento, tranciato della parte che evidenziava l’ importanza della chiurgia vascolare è stato approvato all’unanimità: la pratica “Villa Scassi” torna in Commissione, dove Idv, Sel e Fds sono però pronti a chiedere modifiche, e non solo.

Prima di evidenziare che “queste non sono cose serie”, Burlando aveva annunciato la possibilità di rivedere alcune parti del piano di razionalizzazione degli ospedali alla luce delle future risorse statali per costruire nuove strutture. Ma con parte della maggioranza resta forte la tensione riguardo agli ospedali del Ponente di Genova. Il presidente della Commissione Stefano Quaini (Idv), Alessandro Benzi (Fds) e Matteo Rossi (Sel) chiedono da tempo che Villa Scassi mantenga le attuali strutture sino a quando non sarà operativo un nuovo nosocomio. Oggi questo principio è stato sancito dall’ordine del giorno, epurato dalla pratica Villa Scassi.