Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Stati generali dell’innovazione, il rilancio di Genova passa dalla tecnologia

Genova. Si sono aperti questa mattina nel salone di rappresentanza di Palazzo Tursi gli Stati generali dell’innovazione, una giornata di incontri e dibattiti dedicata allo sviluppo tecnologico della città e in particolare alle tecnologie applicate al progetto Smart City.

“Uno dei temi più importanti che verranno affrontati  oggi  – spiega Paola Girdinio, preside di Ingegneria – sarà l’agenda digitale approvata dal governo in cui uno dei punti principali è rappresentato dalle ‘smart communities’ che vengono realizzate mettendo insieme più città intelligenti  Si parte dall’applicazione della tecnologia alla città intelligente ma non la tecnologia fine a se stessa, bensì la tecnologia che risponde ai bisogni della città e dei cittadini”.

Il futuro di Genova passa quindi dalla tecnologia: “Certo – dice Girdinio – il futuro di questa città passa dal trasferimento tecnologico, dalla ricerca e dall’innovazione, ma soprattutto occorre puntare su una tecnologia deve essere ad uso della qualità della vita dei cittadini”.

Approccio che vede perfettamente d’accordo anche il Comune di Genova: “L”innovazione è uno strumento cardine, un nuovo modo di produrre e fare società.  Smart city è un grande progetto che va avanti, abbiamo vinto tanti bandi europei e cerchiamo di coniugare  l’innovazione tecnologica e l’innovazione sociale e innovazione culturale” spiega Andrea Ranieri, assessore alla Cultura del Comune di Genova.

“Tenendo insieme questi 3 progetti si realizza la smart city – dice Ranieri – ed è proprio questo il valore aggiunto che le tecnologie possono dare, non solo alla produzione, ma alla vita di ogni giorno. Un grande progetto, che va avanti e che può essere messo a rischio da molti fattori, ad esempio il ruolo di Finmeccanica è fondamentale”.