Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Roma-Genoa, il match degli “acciaccati”: Kucka fuori un mese, Totti e De Rossi a rischio

Più informazioni su

Genova. Più che un incontro di serie A, Roma-Genoa rischia di essere il match degli assenti. E proprio nel bel mezzo di un filotto di partite decisive per il Grifone, per di più contro avversarie tutt’altro che semplici da affrontare.

Iniziamo dai padroni di casa, quella Roma di Luis Enrique che ancora non riesce a trovare del tutto il bandolo della matassa ed alterna prestazioni opache a prove decisamente più convincenti.

L’ultima vittoria contro il Palermo ha ridato fiato alle speranze giallorosse di raggiungere l’ultimo posto utile per la Champions, ma certo per farcela la squadra dovrà sfoderare quella continuità che finora è mancata.

Per ora, a Trigoria, si pensa di più agli infortuni: nei giorni scorsi Totti e De Rossi hanno improvvisamente interrotto la seduta di lavoro, rimanendo a riposo anche ieri. Diversi i problemi (affaticamento al flessore sinistro per il capitano, fastidio al calcagno del piede sinistro per De Rossi), ma stesso risultato: partita contro il Grifone a rischio.

Non sta certo meglio il Genoa, perchè Juraj Kucka rimarrà lontano dal campo per almeno un mese. Questo il responso degli esami cui si è sottoposto ieri il centrocampista. Fatale, in questo caso, uno scontro rimediato durante la partita contro la Juventus: lesione di secondo grado al muscolo vasto intermedio della coscia sinistra e stop forzato.

Un’assenza, unita alla condizione di Mesto (nel suo caso ancora qualche speranza di un recupero-lampo), che potrebbe farsi sentire, visto che il giovane centrocampista sembrava tornato sugli stessi livelli ammirati nei primi mesi a Genova. Senza contare le assenze di Antonelli, Bovo e Granqvist.

Insomma, il Grifone può farcela, lo testimonia anche la statistica (all’andata a Marassi 2-1 per i rossoblu), ma certo ci sarà da stringere i denti per affrontare quella che sembra un’emergenza senza fine.