Quantcast

Rinnovabili, Guccinelli: “Quintuplicare la produzione entro 2020, puntiamo sull’eolico”

Regione. Un comitato di studio con 60 giorni di tempo per realizzare un’analisi dettagliata delle potenzialità dell’eolico in Liguria. E’ un passaggio cruciale del potenziamento delle rinnovabili, promosso dalla Regione, che avrà effetto sul futuro di Ferrania.

Il governo sta per emanare il decreto con le quote assegnate alle varie Regioni per implementare l’energia prodotta da fonti pulite. Anche la Liguria si prepara a modificare il quadro normativo. “Dobbiamo quintuplicare la produzione da fonti rinnovabili entro il 2020” spiega l’assessore allo sviluppo economico Renzo Guccinelli.

“Il fotovoltaico ha alcuni limiti fisici sul nostro territorio così come le biomasse, mentre ci sono spazi importanti sull’eolico – prosegue Guccinelli – Abbiamo dato mandato ad un gruppo di studio, già costituito e operativo da tempo, di elaborare linee guida. Partendo dal dato sulla ventosità ligure, possiamo allargare le aree idonee ad ospitare impianti eolici. Il comitato ha 60 giorni per completare lo studio. Ci fornirà indicazioni che ci consentiranno di semplificare la normativa, soprattutto per alleggerire i lacci burocratici di Via e screening, pur rimanendo strettamente all’interno del quadro legislativo nazionale e comunitario”.

L’obiettivo è quello di fare un salto sensibile sulla produzione di energia eolica, raggiungendo una produzione dai 600 ai 770 MW. Da questo punto di vista diventa essenziale l’insediamento di un polo delle rinnovabili nelle aree Ferrania a Cairo Montenotte. Ed è proprio la deregulation l’attrattiva maggiormente attesa dall’investitore straniero che sarebbe pronto a installare la fabbrica di pale eoliche nel sito valbormidese.

Lo snellimento normativo, compresa l’individuazione di nuove aree per installare gli aerogeneratori, sono i punti nodali per l’avvenire eolico di Ferrania. “Prevediamo di rendere possibili gli impianti eolici nelle aree di pertinenza delle aree industriali – osserva l’assessore Guccinelli – Quindi di allargare il più possibile il numero delle aree idonee ad ospitare questo tipo di impianti”. “In generale con lo studio di questo comitato, avremo le linee per alleggerire tutti gli elementi vincolanti e fare il salto avanti nell’eolico” conclude Guccinelli.