Quantcast
Sport

Pallanuoto, A1: un giovane Bogliasco ci prova, 11-13 con l’Acquachiara

Bogliasco. Linea verde quest’oggi per la penultima partita della stagione regolare, che ha visto scendere in acqua il Bogliasco e l’Acquachiara.

Per la formazione bogliaschina, Graffigna tra i pali, ed in formazione anche Edo Di Somma e Ferrero al posto di Heiko Nossek affetto dal Fuoco di S.Antonio. Sugli spalti, come sempre gli Irriducibili.

Prima palla per l’Acquachiara ma primo gol del Bogliasco. Controfallo di Saviano, Bettini parte sulla fascia destra e conclude sul palo corto sotto il braccio di Kacic. Rigore per la Rariazzurra: Camilleri trasforma e raddoppia subito dopo con un’altra controfuga portata da Bettini, vista periferica, lo “sente” alla sua sinistra ed è tripletta. Rinviene l’Acquachiara con Gambacorta, un tiro forte da tre. Ancora Bettini e questa volta se lo segna , poi Petkovic altro tiro dalla distanza ed il rigore di Marcz 4-3 quando mancano due minuti al termine della frazione. Superiorità numerica per gli ospiti, para per due volte Graffigna alla terza la palla entra, Scotti Galletta, 4-4.

Secondo tempo: Palla al Bogliasco. Superiorità numerica, para Kacic, recupera Ale Di Somma ed il Bogliasco passa in vantaggio 5-4.Parità, con la rete di Brancaccio in superiorità e Gambacorta, per la prima volta partenopei in vantaggio. Nuoto e lotta le caratteristiche di questa prima parte di match.

Cambio campo. Palla al Bogliasco. Ancora Bettini, scatenato, gran gol. Risponde l’Acquachiara in superiorità con Guidaldi 6-7. Gol di Petkovic, protestano i bianco-celesti, sostengono fosse viziato dai due metri, ma gli arbitri convalidano. Ancora Acquachiara con la doppietta di Guidaldi 6-10.

Quarto tempo. Gran gol di Edo Di Somma 7-10, risponde Petkovic. Poi Washburn, un alzo e tiro efficace 8-11. Ancora Bogliasco con Barillari che conclude poco prima che rientri l’uomo dal pozzetto. Altro gol fotocopia di Petkovic, troppi a dir la verità. Il capitano si libera dalla gabbia e segna la decima rete. Ancora Acquachiara con Primorac. E Bogliasco con Deserti in superiorità 11-13.

“Un blackout nel terzo tempo, situazione che si ripropone in ogni partita, più o meno ampio – Daniele Magalotti allenatore Rari Nantes Bogliasco – Oggi abbiamo giocato una bella partita e sono abbastanza contento di come hanno reagito i ragazzi. L’Acquachiara è una signora squadra, lo sapevamo: in porta un portiere esordiente da titolare, Graffigna, che si è comportato benissimo, la rete di Edo Di Somma, fa parte delle sue caratteristiche, non ha paura, anche se ha commesso un grave errore, non dimentichiamo che ha sedici anni. La società mi ha dato carta bianca in assoluto per l’impiego dei nostri giovani, a Firenze ne schiereremo ancora di più, oltre a Edo Di Somma e Ferrero anche Gavazzi e Fracas. Proseguiamo il nostro cammino”.

Più informazioni