Pallanuoto, A1 femminile: la Pro Recco scalda i motori in vista del Liverpool, 15-4 al Firenze - Genova 24
Sport

Pallanuoto, A1 femminile: la Pro Recco scalda i motori in vista del Liverpool, 15-4 al Firenze

Gmg Pro Recco - Ngm Mobile Firenze

Sori. Formazioni annunciate: il sette di partenza di Tempestini prevede in acqua dal primo minuto Chicca Cordaro, mentre resta fuori Begin che non è al meglio delle condizioni fisiche. Lunga fase senza reti con squadre attente a non concedere.

Sbaglia la Ngm con Biancardi che in potenziale controfuga non si accorge del pallone che le resta sotto il braccio e continua. Se ne avvede il pari numero Queirolo che così “ruba” la palla e si presenta sola davanti a Catellani, ma restituisce il piacere, graziandola con una colomba scontata. Passa a sorpresa il Firenze con Gautchi, pareggia subito Rambaldi e passa in vantaggio la squadra di Tempestini con Cotti da posizione cinque ben servita da Queirolo. Dalla stessa posizione pareggia Biancardi che sorprende Gigli sul suo primo palo con palla che le sguscia sotto il gomito. Poi Kisteleki chiude le marcature per la Gms un primo quarto con tutte le segnature in parità numerica.

Diverso il secondo tempo, in cui la Pro Recco accelera, pur senza imporre un ritmo forsennato. Registra un mini parziale di quattro goals all’attivo, dall’alto della sua superiorità con Frassinetti, due volte (una in superiorità numerica), Kisteleki in sette contro sei e Cotti. Le fiorentine sprecano due superiorità numeriche ma segnano due volte in parità con Bartolini e Calaiocco, reti inframezzate da una molto bella di Cotti in colomba, che pesca Catellani molto avanzata.

Ancora più netto il divario nel terzo quanto con cinque marcature di fila della capolista. Segnano ancora Rambaldi con la giocatrice in più, Bianconi, al suo primo goal in superorità, e due volte Kisteleki. Il secondo goal dell’ungherese è la fotografia della buona disposizione della squadra di Tempestini: controfuga a ventaglio ad aggredire la retroguardia avversaria e, nonostante l’appoggio troppo lungo di Bianconi, Cotti retrocede, recupera e serve indietro Kisteleki che arriva a consolidare un attacco numericamente già esuberante. Segna anche Frassinetti che poi in chiusura si conquista un tiro di rigore per fallo di Apilongo. Catellani però respinge bene il tiro dai cinque metri di Cotti. Per le fiorentine nessuna superiorità numerica sfruttata fino ad ora.

In apertura di quarto tempo un secondo tiro di rigore. Commette fallo Calaiocco che guadagna anche l’espulsione definitiva. Abbate vendica il pasticcio precedente e trasforma il tiro del 14 – 4. C’è una seconda espulsione definitiva tra le ospiti con l’allontanamento di Ferrini per tre falli con Rambaldi che trasforma l’ultima superiorità con un definitivo 15 – 4 e Bianconi che spreca sola davanti a Catellani l’opportunità di allungare ancora. Ma la gloria maggiore è per Solveig Stasi che nel quarto tempo, subentrata a Gigli, para un tiro di rigore a Olimpi salvando la sua difesa che non ha subito reti per due tempi interi.

“Il prossimo impegno di Coppa con il City of Liverpool non ci ha distratto – dichiara Tempestini -, abbiamo pensato solo a questa gara e da domani penseremo al resto, sperando che non sia un errore. Abbiamo giocato più su di noi che sugli avversari, cercando di ottenere un gioco con il minor numero di sbagli, che ancora commettiamo. In attacco sbagliamo ancora qualcosa, però sono contento del gioco corale: spesso rinunciamo ad azioni e conclusioni individuali per favorire qualcun’altra che arriva da dietro ed è in posizione ottimale per segnare. Siamo persino troppo altruisti, ma in difesa abbiamo concesso solo quattro reti alle avversarie e nessuna nella seconda parte della gara: ciò perché concediamo loro molto poco in fase di attacco. I due rigori sono stati battuti da due atlete diverse, ma non perché il primo era stato parato: sono solito far decidere a loro che batte a seconda chi se la sente, però forse dovrebbero trovare qualche soluzione di tiro diversa perché spesso vedo esecuzioni simili”.

“In campo internazionale ho visto Sabadell – Vouliagmeni – prosegue -. Le spagnole sono state sopra anche di quattro goals ma la vedo dura al ritorno perché alla fine il divario è stato solo di una rete e perché le greche costituiscono maggiormente una squadra rispetto alle avversarie in cui vedo tre o quattro individualità, ma meno collettivo”.

Il tabellino:
Gmg Pro Recco – Ngm Firenze 15 – 4
(Parziali: 3 – 2, 5 – 2, 5 – 0, 2 – 0)
Gmg Pro Recco: Gigli, Abbate 1, Cotti 3, Kisteleki 4, Queirolo, Cordaro, Maggi, Begin, De Benigno, Rambaldi 3, Bianconi 1, Frassinetti 3, Stasi. All. Riccardo Tempestini.
Ngm Firenze: Catellani, Apilongo, Ferrini, Colaiocco 1, Biancardi, Repetto, Bartolini 1, Bosco, Schifter, Olimpi 1, Gautchi 1, Giannetti, Camiciottoli. All. Andrea Sellaroli.
Arbitri: L. Bianco (Brescia) e Castagnola (Genova).

L’esito della 15° giornata:
Mediterranea Imperia – Beauty Star Plebiscito Padova 7 – 7
Igm Ortigia – Volturno SC 13 – 13
WP Despar Messina – Rari Nantes Bologna 10 – 8
Gmg Pro Recco – Ngm Firenze 15 – 4
Menarini Fiorentina Waterpolo – Venosan Orizzonte Catania 7 – 8

La classifica della serie A1:
1° Gmg Pro Recco 43
2° Beauty Star Plebiscito Padova 37
3° Venosan Orizzonte Catania 36
4° Mediterranea Imperia 32
5° Menarini Fiorentina Waterpolo 24
6° Ngm Firenze 16
8° WP Despar Messina 10
7° Igm Ortigia 8
9° Volturno SC 6
10° Rari Nantes Bologna 4
Igm Ortigia e Rari Nantes Bologna hanno giocato una partita in meno.

Le partite della 16° giornata, in programma sabato 10 marzo:
Menarini Fiorentina Waterpolo – WP Despar Messina
Volturno SC – Gmg Pro Recco
Venosan Orizzonte Catania – Mediterranea Imperia
Beauty Star Plebiscito Padova – Igm Ortigia
Igm Ortigia – Ngm Firenze