Lecce-Genoa, Cosmi sbraita e Marino pensa già alla Juventus - Genova 24

Lecce-Genoa, Cosmi sbraita e Marino pensa già alla Juventus

pasquale marino

La si era presentata anche come la partita tra Pasquale Marino e Serse Cosmi. Nel dopo match, con un 2 a 2 strano nato da una buona gara giocata dai rossoblù, e un paio di spunti del Lecce, è andata in scena la manifestazione di questa differenza.

Un Serse Cosmi infuriamo, sbuffante, arrabbiato, che se l’è presa con Russo per non aver esplulso Kucka sul secondo fallo su Di Michele (fallo non violento però, a parere di molto commentatori). Poi ha reclamato anche per un presunto rigore su fallo su Muriel, ma anche qui la spinta di Carvalho è sembrata leggerissima. “Russo ha dimostrato di non essere all’altezza della serie A. Mi viene da ridere quando sento invocare i mezzi tecnici per risolvere le questioni dubbie. Dico invece che intanto sarebbe bene non sbagliare sull’ovvio. Oggi la mancata espulsione di Kucka rientra tra casi più assurdi”. Queste le parole dell’ex rossoblù ora al Lecce.

“Io ho ecceduto nelle proteste e sono stato giustamente espulso, chiedo scusa a tutti- ha aggiunto Cosmi -, ma non ce l’ho fatta a trattenermi. L’errore era troppo grosso. Quanto alla squadra, oggi peraltro era giù di corda e quindi, considerato tutto, questo pareggio con il Genoa è un punto buono”.

Dall’altra parte Marino, che soddisfatto parla di miglior trasferta fin qui disputa, fra l’altro con una squadra molto in forma. ” Sono contento per la prestazione dei ragazzi, abbiamo costruito tante occasioni. Sarebbe stato davvero una beffa se fossimo usciti sconfitti da questo match, anche un pareggio ci stava stretto”.

Domenica aspetta la Juve, una partita delicata contro una squadra sì forte, ma in netto calo rispetto alle settimane scorse e soprattutto con le scorie del turno infrasettimanale contro il Bologna.

Ma Marino non si fida: “Stanno andando a mille, e qualche flessione è naturale, ma sono sempre avversari estremamente temibili”.