Quantcast
Altre news

Infrastrutture, No Gronda alla Cgil: “Non si può fare un’opera dannosa solo perché crea lavoro”

Genova. Dopo le parole del segretario nazionale della Cgil Susanna Camusso a favore della Tav e del segretario regionale Renzo Miroglio a favore di opere come la Gronda e il Terzo Valico, pronta arriva la risposta dei Comitati No Gronda.

“Vorrei ricordare al ‘compagno’ Miroglio che nello statuto della Cgil, oltre alla ‘tutela dei lavoratori e delle lavoratrici’, nell’art.2 si enuncia quanto segue: ‘La Cgil ispira la sua azione alla conquista di rapporti internazionali in cui tutti i popoli vivano insieme nella sicurezza e in pace, impegnati a preservare durevolmente l’umanità e la natura, liberi di scegliere i propri destini …’, spiega Mauro Muscarà, Coordinamento Comitati No Gronda Genova.

“Come può dunque il primo sindacato italiano sostenere la realizzazione di grandi opere come la Gronda? E soprattutto giustificando questa posizione come il solo modo di uscire dalla crisi? Non si può accettare una grande opera solo perché crea lavoro, ma bisogna analizzare l’utilità della stessa e di quelle che sono le ricadute sulla salute dei cittadini e dell’ambiente – continua Muscarà – Inviterei Miroglio a mettere da parte gli interessi del partito vicino alla sua organizzazione sindacale, documentandosi su quelli che saranno gli effetti devastanti sulla Valpolcevera ed il Ponente genovese di questa assurda opera”.

Il coordinatore spiega che ci sono dati trasportistici che in modo inequivocabile dimostrano l’inutilità della Gronda e dati geologici che mettono in evidenza i rischi di contaminazione da amianto che i cantieri produrranno su un bacino abitativo di oltre 70 mila persone.

“Pregherei Miroglio di non fare politica, perché questa non è la missione del sindacato, ma bensì di sedersi ad un tavolo e magari parlare con chi sostiene che esistono altri modi per creare lavoro senza togliere ad alcuno il diritto ad una vita più sostenibile. Mi auguro quindi che le sue affermazioni siano dettate dalla disinformazione che ha su questo argomento, e lo invito a venire in Valpolcevra per un’incontro con chi, da ormai due anni, si batte giorno dopo giorno per tutelare il diritto alla salute dei propri figli, non secondo allo stesso sacrosanto diritto di lavorare”.

“Molti anni fa, in piena crescita economica, a Casale Monferrato una promettente fabbrica dava lavoro a tantissima gente e garantiva, come dice il ‘compagno Miroglio’, le ‘politiche d’investimento’ – conclude Muscarà – Ora le famiglie degli oltre tremila morti di mesotelioma rimangono con la consolazione di una tardiva sentenza, che condanna chi in nome del progresso e dello sviluppo ha tolto loro affetti e sogni. Vogliamo poi ricordare le battaglie del suo sindacato quando sosteneva la fabbrica della morte in Val Bormida?”.