Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giornate Fai Genova 24 e 25 marzo: visite guidate nei tesori nascosti della città foto

Più informazioni su

Genova. Sabato 24 e domenica 25 marzo si svolgono le Giornate del Fai, e anche Genova accoglie la manifestazione con diverse visite guidate. Si potranno ammirare, grazie all’apertura straordinaria, i tesori della Biblioteca di via Balbi e dell’antico Collegio gesuitico, ora sede dell’Università. L’iniziativa si svolge grazie anche alla collaborazione tra Università degli Studi di Genova e la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria e la Biblioteca Universitaria.

Le Giornate Fai permetteranno ai genovesi di visitare la Biblioteca Universitaria (ex Chiesa dei SS. Gerolamo e Francesco Saverio) e la nuova sede, situata presso l’ex Hotel Excelsior: “Per la sua posizione vicino a Piazza Principe questa nuova sede permette a tutti i turisti che arrivano in città, di poter comprendere già le bellezze nascoste della nostra Genova” spiega Sonia Cevasco Asaro, capo delagazione Fai Genova.

“Il progetto della nuova Biblioteca ha coinvolto molte forze culturali sul territorio per cercare di far riaprire un bellissimo edifico ormai abbandonato al suo destino – continua Sonia Cevasco Asaro – In questo modo, con la nuova apertura, la cittadinanza potrà ammirare un pezzo della sua storia rimasto nascosto per molto tempo”. Inoltre, le visite guidate spiegheranno nel dettaglio tutta la storia degli edifici in questione, e non mancherà in questo anche l’aiuto dei giovani studenti universitari.

Tra gli altri pezzi della città ci sono anche la Barbieria Giacalone, in vico dei Capretti 14 rosso, che rappresenta uno dei pochi esempi di esercizio commerciale antico rimasto intatto, con i suoi mobili e l’arredo rimato intatto: una vecchia cartolina da visitare pe fare un viaggio nel tempo. Anche il levante cittadino avrà le sue bellezze da riscoprire: a Camogli si potrà visitare l’Abbazia di San Fruttuoso, famosa per essere anche, oltre a una residenza di principi, anche un covo di pirati. Si potrà visitare con un contributo libero, dalle ore 10 alle 15.45. Spostandoci a Lavagna invece, turisti e cittadini, potranno visitare la Casa Carbone, una tipica costruzione ligure del XIX secolo, che ricorda l’atmosfera domestica del tempo.

Per ulteriori informazione, si può contattare la sede del Fai di via Garibaldi 7, al numero 010 2518680.