Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giornata nel levante ligure per Claudio Burlando: Sestri, Lavagna e Chiavari

Lavagna e Chiavari. Claudio Burlando prima è stato a Sestri Levante per inaugurare il centro di aggregazione multifunzionale. Poi è andato a Lavagna dove si è soffermato sui fondi dell’alluvione per il comune che ha subito 2,5 milioni di danni.

La zona colpita dai marosi oggi pomeriggio è stata visitata dal presidente della Regione Claudio Burlando accompagnato dal sindaco Giuliano Vaccareza. “Le risorse sono finite – ha detto Burlando -, tuttavia c’é un forte impegno a valutare il possibile inserimento di alcuni operatori privati nell’apposito bando che scadrà a giugno con fondi europei che abbiamo voluto destinare ai centri colpiti dall’alluvione ma che potrebbe essere allargato ad alcuni altri casi. Per Lavagna vi è poi anche la necessità di un intervento delle Ferrovie dello Stato in quanto il piano della costa redatto dall’ingegner La Barbera prevede la realizzazione di alcuni pennelli a difesa dell’arenile e quindi della rete ferroviaria”.

Il comune però non ha nel frattempo perso tempo: “in vista della stagione balneare – ha detto Giuliano Vaccarezza – abbiamo già speso circa 50 mila euro per un primo intervento di ripascimento, ovviamente i danni al lungomare ed ad alcuni pennelli esula dalle nostre possibilità finanziarie”.

Poi Claudio Burlando è andato a Chiavari dove si è fatto fotografare sotto lo striscione ‘No alla soppressione del Tribunale’ assieme ai 30 sindaci del Tigullio, assessori e consiglieri regionali, parlamentari e senatori, avvocati e giudici hanno posato oggi per una gigantesca foto cartolina con tanto di uovo di Pasqua di un metro da inviare al ministro di Giustizia, Paola Severino.

Come già riportava Genova24 questa mattina, obiettivo dell’iniziativa è salvare il Tribunale di Chiavari dalla chiusura. La foto è stata scattata sotto il nuovo palazzo di Giustizia, che è costato alla collettività 13 milioni di euro. “E’ giusto razionalizzare anche i servizi della Giustizia – ha detto il presidente Burlando – ma credo che il piano non abbia tenuto presente del nuovo e moderno centro, del bacino di utenza dalla costa all’entroterra a carico fino ad oggi del polo chiavarese. Giuste le proteste dei dipendenti e sacrosante quelle dei cittadini sui quali ovviamente ricadranno i disagi sia in termini di tempo che economici per gli spostamenti verso altri tribunali”. “Prima di Pasqua le cartoline giungeranno al ministero – dice Gabrile Trossarello, presidente del Comitato a Difesa del Tribunale – cosi come le imponenti raccolte di firme che hanno visto nelle piazza del Tigullio decine di avvocati mobilitati cosi come i Comuni e le associazioni presenti sul territorio”.