Gilardino, dna da Grifone. Il presidente Preziosi promette scintille sul mercato - Genova 24

Gilardino, dna da Grifone. Il presidente Preziosi promette scintille sul mercato

Genoa - presentazione Gilardino

Genova. L’infortunio che lo ha costretto ai box non è ancora del tutto superato ma Alberto Gilardino non resiste più. Ha voglia di stare vicino ai compagni, di lottare al loro fianco per portare in alto il Grifone. In un modo o nell’altro, a Lecce ci sarà. Stando agli ultimi allenamenti, le speranze di vederlo in campo sono ridotte al lumicino. “In Puglia saremo costretti a fare a meno di lui”, ha ribadito oggi Preziosi prima di dedicarsi all’assemblea di Lega.

Pretattica o verità, i tifosi sperano nella prima opzione. Utopia però pensare di vederlo in campo per 90’, difficile che possa giocare anche solo uno spezzone di gara. Mister Marino ne è ben consapevole ma la convocazione dell’attaccante potrebbe comunque essere dietro l’angolo. Un come il bomber prelevato dalla Fiorentina ha carisma e personalità da vendere. Anche il solo vederlo in panchina potrebbe infondere coraggio ai compagni di squadra. Ecco quindi pronta per lui una poltrona sulla panchina del Via Del Mare. Arrivasse poi qualcosa di più, tanto meglio.

L’undici titolare è ancora avvolto nel mistero, di certo c’è solo la missione che attende i rossoblù: “Dobbiamo fare punti in trasferta”, il diktat presidenziale. Preziosi pensa a Lecce e al mercato. È stato lontano dall’Italia per affari extra-Genoa, adesso deve recuperare il tempo perduto. Svelato in mattinata il retroscena del mancato arrivo di Cerci: “La Fiorentina ci ha chiesto Miguel Veloso in cambio ma mi sono rifiutato di cedere il portoghese”.

A giugno il nome dell’esterno viola potrebbe tornare di moda. Potrebbe far parte di quel manipolo di giocatori già bloccati per giugno: da Immobile a Rosado passando per Von Bergen, Tozser e Polo. E non finisce qui, Preziosi guarda con interesse al campionato cadetto. Negli ultimi tempi pare aver messo gli occhi addosso a Sansone (Sassuolo) e Verratti (Pescara): sono tra i fenomeni della B, i giovani più promettenti del panorama nazionale. Ormai datato l’interesse per il centrocampista dello Zurigo Nicki e per il difensore del Bordeaux Ciani.