Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova Libera contro le mafie, i ragazzi di “Ammazzateci tutti” ad aprire il corteo

Genova. Migliaia di persone in città, i familiari delle vittime, Don Ciotti, Gian Carlo Caselli e ancora, associazioni e istituzioni.

“E’ una giornata molto bella, anche ieri sera in Duomo è stata un’emozione molto forte, sentire leggere quei nomi, credo sia bellissimo oggi vedere tutte queste persone – sono le parole del Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, che poi ha aggiunto: “Penso ci siano pericoli seri, ma credo che ci sia anche la forza di debellare questo fenomeno così grave”.

Tra i familiari anche la figlia del giudice Scopelliti, Rosanna: “Vittime della mafia siamo certamente le famiglie, che paghiamo il prezzo più caro, ma spero che prima o poi anche lo Stato assuma la giusta consapevolezza e inizi a considerarsi vittima, perseguendo mafiosi e corrotti con determinazione e non solo a parole”.

Il giudice calabrese Antonino Scopelliti, ucciso da cosa nostra e ‘ndrangheta il 9 agosto ’91. La manifestazione contro tutte le mafie promossa dall’Associazione ‘Libera’ di don Luigi Ciotti, è guidata dalla delegazione di ‘Ammazzateci Tutti’, il movimento di giovani nato in Calabria dopo il delitto Fortugno.

Insieme a loro per la prima volta dopo le recenti gravi minacce subite da parte della ‘ndrangheta, anche il giovane leader di ‘Ammazzateci Tuttì Aldo Pecora. “Non potrò rientrare in Calabria per un po’ – afferma Pecora – ma oggi volevo essere qui con i miei ragazzi e con l’ infaticabile don Luigi Ciotti, che con coraggio e tanta forza di volontà ha abbattuto a mani nude il muro d’omertà quando in Italia non era certo facile parlare di contrasto civile alle mafie”.

Un gruppo di militanti No Tav con striscioni e bandiere della pace si è unito al corteo per la Giornata della Memoria e dell’Impegno, promossa da Libera, all’altezza della Questura di Genova. Oltre ai tradizionali vessilli No Tav, espongono anche uno striscione con sopra scritto “Ascoltateli”. Non sono segnalati problemi di ordine pubblico né particolari tensioni.