Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, donna muore dopo rimozione protesi al seno: Orlando chiede relazione

Più informazioni su

Genova. Una relazione sulla morte della 65enne genovese, deceduta dopo essere stata dimessa dall’ospedale San Martino dove le avevano rimosso protesi al seno applicate 16 anni fa. L’ha chiesta oggi il presidente della Commissione d’inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari, Leoluca Orlando che ha scritto all’assessore alla Sanità della Regione Liguria, Claudio Montaldo.

“La Commissione – ha scritto Orlando – senza pregiudizio per le indagini in corso da parte della competente autorità giudiziaria, intende acquisire ogni dato utile a conoscere lo svolgimento dei fatti, sia in merito alle eventuali criticità organizzative riscontrate, sia in ordine a iniziative amministrative, sanzionatorie e/o cautelari assunte a fronte di eventuali responsabilità individuali”.

A presentare l’esposto in Procura, dopo la morte della donna, erano stati i familiari. Il pm Francesco Pinto ha aperto un fascicolo contro ignoti ipotizzando l’omicidio colposo e ha disposto l’autopsia che viene effettuata in serata dal medico legale. Della vicenda è stato anche informato il ministro della salute, Renato Balduzzi. La donna, subito dopo l’operazione, si era sentita male ed era stata ricoverata in rianimazione. Le sue condizioni erano poi migliorate e domenica scorsa era stata dimessa. Il giorno successivo, però, è morta nella sua abitazione per una forma di pleurite fulminante

Quella della donna 65enne di Genova, deceduta il giorno dopo un intervento di rimozione delle protesi al seno, “non è una morte legata alla rimozione di protesi mammarie, ma quasi certamente un decesso per complicanze cardio-polmonari sopraggiunte dopo l’intervento. Le protesi di seno non possono causare in sé la morte di una persona, né quando vengono impiantate né quando vengono rimosse”. Lo afferma il chirurgo estetico Giulio Basoccu, responsabile della Divisione di Chirurgia Plastica, Estetica e Ricostruttiva dell’Istituto Neurotraumatologico Italiano (Ini).