Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova 2012, la campagna sul web: “Vinai cresce, Musso crea pagina e Doria sulla scia di Pisapia”

Genova. La corsa per le amministrative a Genova ormai ha tutti i suoi candidati in pista, e sono tanti quanti non se ne ricordano nelle precedenti elezioni. Negli angoli e sui muri della città già campeggiano diversi cartelloni propagandistici, effettivamente mancano meno di due mesi.

Come sta procedendo la campagna elettorale in Rete e in particolare sul social network per eccellenza, Facebook? Facciamo questa domanda agli analisti di Elezioni.it.

Innanzitutto chiediamo se c’è stata una crescita nel numero dei post dei candidati, insomma se la campagna si è accesa anche in rete.
“Sicuramente si è potuto notare come anche Pierluigi Vinai – l’ultimo a scendere in campo – abbia deciso di puntare sui social media per lanciare la propria campagna a sindaco”, risponde Paola Bonesu “Susy de Martini e Marco Doria rimangono molto attivi, mentre Enrico Musso ha deciso di creare una nuova pagina, trasferendosi da quella personale a una esplicitamente dedicata alla campagna elettorale, che però ancora non ha lo stesso numero di fan di quella precedente. Creare ex novo una pagina a questo punto della campagna può essere rischioso perché ci si ritrova a parlare a meno persone se i numeri non crescono subito”.

Nel complesso di tutte queste attività, c’è stata qualche iniziativa originale?

“Marco Doria ha scelto di associare la propria immagine a quella di Giuliano Pisapia. Erano insieme a Milano alla presentazione del libro “La sinistra arancione” e la pagina di Doria si è riempita di foto e filmati che li ritraggono insieme, con tanto di auguri di buona fortuna da parte del sindaco di Milano. Chissà se anche Genova vivrà il suo effetto Pisapia”, dice ancora Paola Bonesu.

Il numero dei candidati alle amministrative genovesi è salito a 12, Elezioni.it invece sta monitorando solo 4 candidati. Come mai la mancanza di esponenti come Edoardo Rixi della Lega, oppure Paolo Putti del Movimento Cinque Stelle che ha sempre avuto nella rete il motore principale.

“Perché attendiamo che si iscrivano alla nostra agorà, molti candidati non sono ancora a conoscenza di quali strumenti offra loro il Web. Per esempio Simonetta Saveri e Giuseppe Viscardi, candidati a Genova, non hanno ancora aperto una pagina Facebook”.

Ma vi siete fatti un’idea sulla strategia dei “grillini”? Come mai nella sua Genova secondo voi Beppe Grillo non si è ancora esposto?
“C’è una pagina del movimento. Mentre risulta assente su Facebook una pagina fan ufficiale del candidato Sindaco. Questo offre un chiaro spunto di riflessione sulla leaderizzazione del movimento. Infatti, secondo le dichiarazioni di Putti fatte durante la presentazione della lista, il Movimento 5 Stelle sembra puntare in primis alla conquista di qualche seggio in consiglio comunale. Su Grillo, si può dire che non è sempre utile la presenza di un leader nazionale che venga a imporre la linea all’interno di un contesto locale”.

Infine, ancora una domanda, cosa ne pensate della campagna di Rapallo? “Rapallo è particolarmente interessante per la presenza, fra i candidati, di ‘Pulce Rompipalle’ che a nostro avviso dimostra una particolare capacità nell’uso dell’ironia, abilità molto più importante di quanto si possa pensare anche nella comunicazione politica. Da seguire”.