Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, i tifosi votano Jorquera. Contro la Fiorentina Marino si gioca il posto

Più informazioni su

Genova. Dopo tutto quello che è successo ai cugini nella scorsa stagione anche il più ottimista dei genoani ha cominciato a guardarsi le spalle. La classifica non permette di dormire sogni tranquilli e in campo tutto sembra sempre andare per il verso storto: basta pensare a Palacio che a tu per tu con Stekelemburg centra in pieno la traversa, roba da brividi.

In cascina il Grifone ha accumulato solo 33 punti; il Lecce terz’ultimo è fermo a quota 26. Nel mezzo ecco Parma (31), Siena (32) e Fiorentina (32). Alla fine del campionato mancano 10 partite, meglio strappare qualche vittoria qua e là per evitare spiacevoli sorprese. Il Genoa se la vedrà adesso con Fiorentina e Inter. Mister Marino farà bene a non fallire la gara con i viola, una sconfitta potrebbe costargli cara: il presidente Preziosi non gli potrebbe perdonare un nuovo passo falso. C’è chi già parla di un Malesani bis, chi dell’esigenza di guardarsi altrove. In rete i tifosi genoani si sono lasciati andare alle ipotesi più suggestive: tolto Cavasin, sembra potergli andare bene chiunque; di certa c’è solo la poca fiducia che ormai ripongono nel tecnico siciliano. Fanno fatica a condividerne scelte e idee, non capiscono il perché delle continue esclusioni di Jorquera.

Il talentino cileno sembra l’unico capace di inventarsi qualcosa, l’unico da cui aspettarsi una magia. Piedi buoni, visione di gioco e corsa ma Marino proprio non lo vede. Eppure la rosa genoana non gli offre troppe alternative di qualità, soprattutto ora che l’infermeria del Pio è strapiena.

Jorquera o non Jorquera, l’ex tecnico di Catania e Udinese sembra comunque avere i giorni contati sulla panchina rossoblù, a giungo si cambia. C’è Sannino, oggi al Siena, in cima alla lista dei papabili successori.
A scegliere il uovo condottiero rossoblù sarà Sean Sogliano, l’uomo a cui sarà affidato il ruolo di direttore sportivo. “Per rispetto di chi sta lavorando non penso sia il momento giusto per parlare di quello che succederà- ha ribadito l’ex dirigente del Palermo- quella del Genoa è sicuramente è una grande piazza, importante e con una bella tifoseria”.

Tornando all’attualità e al Signorini di Pegli, sono da registrare i miglioramenti di Bovo e Antonelli; capitan Rossi è tornato a lavorare col gruppo (lo ha fatto anche Moretti), ancora differenziato per l’acciaccato Sculli. Sicuramente fuori causa contro la Fiorentina Granqvist, Kucka e Constant.