Genoa, Frey celebra le 400 in serie A con molto realismo: “Prima salviamoci, poi pensiamo alla prossima stagione” - Genova 24

Genoa, Frey celebra le 400 in serie A con molto realismo: “Prima salviamoci, poi pensiamo alla prossima stagione”

frey

Genova. Domenica a Lecce per Sebastien Frey saranno 400 gare in serie A. Un traguardo che forse nemmeno immaginava quando ormai quasi 15 anni fa arrivò a Milano sponda Inter, un traguardo che forse non immaginava di celebrare così al Genoa, con una sfida salvezza a Lecce.

“Il mio sponsor mi ha dedicato queste guanti per le 400 in serie A, è stata dura, ci sono stati momenti belli e momenti meno belli: voglio ringraziare tutte le squadre con cui ho giocato, Inter, Verona, Parma dove ho passato 4 anni bellissimi e dove ho anche vinto la Coppa Italia, la Fiorentina dove ho avuto la fortuna di giocare anche la Champions, e ovviamente qui dove cercherò di lasciare un’impronta importante. Qui si può far bene e dall’anno prossimo lavoreremo per portare a casa qualcosa di importante”.

Lecce, appunto: “Per noi è una partita importante, dobbiamo raggiungere la salvezza matematica prima possibile, per poi preparare qualcosa per la prossima stagione che parte già da domenica. E’ una squadra forte, che in casa gioca bene, ma per noi portare a casa almeno un punto sarà fondamentale anche a livello mentale per il gruppo”.

Poi si dilunga sulla difesa: “Abbiamo subito troppi gol, noi lavoriamo pesantemente per sistemare anche qualche lacuna, qualche limite, l’impegno da parte di tutti c’è. Non si tratta di concentrazione. Come difesa siamo nell’occhio del ciclone perché prendiamo troppi gol, ma non so dare una spiegazione sul perché”.

Non riesce a dare una spiegazione Frey, l’unica che gli viene in mente è relativa alla comunicazione: “Forse parliamo poco. Certo io mi trovo meglio giocando a 4, mi sento più protetto”. Domenica avversario ostico, giovane, veloce. L’esperienza della difesa genoana contro la brillantezza di quella leccesa, l’auspico di Frey è solo uno: “Fare risultato e voltare pagina”.