Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa-Fiorentina, Biondini non ha dubbi: “Sulla palla arriveremo prima noi”

Genova. Lunedì scorso contro la Roma all’Olimpico è stato tra i migliori in campo, assieme a Manuel Veloso ed Emilano Moretti. Oggi si è presentato in conferenza stampa con il suo fare tranquillo, lucido e sereno, che si trasforma in grinta, voglia e agonismo quando è sul campo da gioco.

Biondini apre la sua conferenza stampa con una scelta di campo: “Affrontiamo una partita importante in casa, e questa è la fortuna più grande per noi. La Fiorentina ha difficoltà ed è un’occasione importante per aumentare il distacco da loro”, per poi aggiungere con quella fermezza serena: “Se mi chiedete se preferisco la nostra situazione o la loro, non c’è dubbio: sono ben contento di giocare questa partita con la maglia rossoblù e soprattutto a Marassi”.

Poi si sofferma sulle stagioni delle due squadre: “Il nostro ambiente è diverso, i nostri problemi sono derivati dalle assenze, per loro è diverso”.

Biondini parla anche della settimana di allenamento posto Roma: “Giocando lunedì è stato meno facile avere intensità nei primi allenamenti, anche perché sarebbe stato un rischio intensificare, l’importante è arrivare carichi a domenica. Abbiamo già fatto passi avanti, la prestazione arriverà, sono sicuro che se ci sarà una gamba ad arrivare prima sul pallone, sarà la nostra”.

Biondini assicura che il momento peggiore è passato: “La crisi era quando in trasferta si prendevano sempre cinque pere, ora anche se lo schiaffo lo prendiamo reagiamo. Certo non è finita qui, c’è da lavorare, ma si può e si deve migliorare”.
A chi gli chiede se gli ex Frey e Gilardino possano essere condizionati, risponde: “Hanno talmente tanta esperienza che non credo abbiano problemi particolari, nei novanta minuti saranno tranquilli e sanno cosa devono fare. Sono due giocatori importanti sempre, se domenica trovano qualche stimolo in più ancora meglio”.

Infine una valutazione sulla posizione in campo: “Io ho sempre giocato con il 4-3-3 e per me è più facile, ma adattarmi al 4-4-2 è stata una bella scommessa e mi è piaciuta, anzi mi sono preso delle rivincite con allenatori che mi dicevano che none ero in grado di fare quel ruolo”.

Questa mattina ha preso parte all’allenamento anche Beppe Sculli che dunque non dovrebbe essere della partita. La Fiorentina si sta allenando al Mugnaini, chissà se questa area di derby dia una marcia in più ai rossoblù.