Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Finmeccanica, vertice in Regione, Burlando: “La Liguria unita deve dire un no secco allo smantellamento” foto

Genova. Il Presidente della Regione Claudio Burlando, con l’assessore allo Sviluppo economico Renzo Guccinelli e l’assessore al Lavoro Enrico Vesco, ha dato il via oggi al tavolo in Regione sulla situazione Finmeccanica in Liguria, a cui hanno partecipato i sindaci e i presidenti di Provincia, insieme ai sindacati e ai parlamentari liguri.

“La Liguria deve dire un no secco allo smantellamento di Finmeccanica sul suo territorio. Se lo farà con una voce sola potrà contare di più – ha detto Burlando nel suo intervento ricordando che Finmeccanica occupa 7mila persone sul territorio ligure, le stesse del 2007, numeri che dimostrano che la crisi dell’azienda non è ligure.

“Non vorremmo essere noi a pagare. Adesso Finmeccanica deve affrontare rilevanti questioni finanziarie e noi dobbiamo trovare un percorso unitario sull’esempio di Fincantieri”. Dopo avere ripercorso le vicende di Ansaldo STS e l’importante salto di qualità dell’azienda circa il segnalamento, il Governatore ha ribadito: “La Liguria deve dire un no secco alla vendita di STS”. Proseguendo nell’analisi delle aziende liguri di Finmeccanica il presidente ha detto: “Non è nemmeno accettabile che Ansaldo Energia assegni il rimanente 55% della sua proprietà a un’altra realtà finanziaria e industriale, seguendo una logica solo finanziaria e non industriale”.

“Il percorso che si avvia con l’azienda e con il Governo come interlocutori avviene in un anno difficilissimo. Mi aspetto che i sacrifici forti richiesti al Paese non siano disgiunti da una doverosa opera di risanamento finanziario”.

Il presidente ha concluso esprimendo soddisfazione: ”Ci presenteremo con una posizione unitaria e potremo rivendicare che ci sia un processo di risanamento industriale e finanziario mirato. Avremo un’interlocuzione diretta con Governo e azienda. Il 31 marzo il varo Fremm a Riva Trigoso potrà essere la prima occasione per parlare con il Governo sul nostro territorio di questi temi”.