Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Federalismo portuale, Rixi deposita legge d’iniziativa popolare: “Dal porto le risorse per il futuro dei genovesi”

Genova. Questa mattina Edoardo Rixi, candidato sindaco di Genova della Lega Nord e sostenuto dalla lista civica “La nostra Genova”, ha depositato come primo firmatario a Roma in Cassazione la legge di iniziativa popolare “Federalismo portuale fiscale attribuzione al porto di Genova e ai porti di interesse internazionale di quote del gettito derivante dai tributi erariali”.

“Da giovedì – dice Rixi – partiremo con la raccolta delle firme sui banchetti della Lega Nord e della lista ‘La nostra Genova’ presenti sul territorio. L’obiettivo da raggiungere è 50 mila firme: mi aspetto una mobilitazione da parte di tutti i genovesi, di ogni schieramento politico, perché, se questa legge passerà in parlamento, parte dell’extragettito portuale rimarrà a Genova, potrà essere reinvestito in servizi pubblici e per rilanciare l’economia della città”.

Genova ha il primo porto d’Italia, tra i primi d’Europa e da cui passa il 60% delle merci italiane. “Nonostante la crisi, lo scalo ha chiuso il bilancio del 2011 in positivo: un dato che conferma la forza economica del porto di Genova. Sono anni che sentiamo parlare di modifica della riforma della legge 84/94, sostenuta ma solo a parole dal sindaco Vincenzi e da Burlando, ma non è mai stato fatto nessun passo in avanti – ha detto Rixi – Questa iniziativa, sostenuta a Roma dai parlamentari della Lega Nord, sarà il primo atto concreto perché Genova possa finalmente tradurre la forza economica del proprio scalo in benefici concreti per tutti i cittadini, soprattutto in un momento di crisi come quello attuale in cui le casse degli enti locali sono state svuotate dalla manovra finanziaria attuata dal governo Monti”.