Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Enduro Team Promotor, rombo di motori sul campionato italiano under 23 e Senior

Più informazioni su

Genova. Ha preso il via la stagione enduro 2012 per l’Enduro Team Promotor con il Campionato Italiano riservato agli under23 e senior. Una lunga trasferta per il team guidato da William Maggioli in terra di Sicilia, con i due giovani piloti chiamati a gareggiare nel primo appuntamento nazionale; l’ormai esperto Luca Rovelli e il neo
acquisto Mattia Ferrari.

Risultati incoraggianti quelli ottenuti a Ragusa, sede della competizione, con un buon 4° posto conquistato da Luca Rovelli in sella alla Ktm125 cc.2t nella classe E1 2tempi junior che ha guidato sostanzialmente bene, ritrovandosi anche terzo nel corso di una prova speciale. Un inverno particolarmente impegnativo per Luca dal punto di vista fisico dopo l’intervento chirurgico subìto all’anca, che gli ha impedito di dedicarsi alle regolari sedute di allenamento per circa tre mesi, cosa che ancor di più fa apprezzare la sua performance siciliana e che lascia ben sperare per il proseguo della stagione, “chapeau”.

Non ancora a suo agio con la cilindrata impegnativa della sua Ktm300 2t, il diciannovenne Mattia Ferrari confessa di dover lavorare sodo per mettere a punto il sistema delle sospensioni, in particolare, che gli consentirebbe il giusto feeling della potente arancione, deve accontentarsi si fa per dire, di un onorevole 9°posto nella E3 junior.

Una bella gara di campionato italiano, quella che si è disputata nei terreni circostanti il Villaggio Kastalia sul territorio ragusano, organizzata dal moto club Hobby Motor, con il favore meteorologico che ha illuminato a dovere l’intensa giornata off-road. Il percorso disegnato dagli uomini esperti del presidente Angelo Ferrera, ha previsto il passaggio obbligato su due selettive prove speciali, una linea e un fettucciato, entrambe caratterizzate da repentini passaggi su prato, roccia e insidiosa terra rossa su un tracciato altamente spettacolare quanto infido. Molti tra i 230 concorrenti al via e provenienti da varie regioni d’Italia suddivisi in varie categorie, che hanno dato vita ad uno spettacolo assai apprezzato dal pubblico, così come dagli addetti ai lavori.

Una pausa di riflessione è d’obbligo prima del prossimo appuntamento con l’Italiano under 23 delle ruote sporche, che tornerà a far parlare di se il prossimo 15 aprile con la seconda tappa in calendario, prevista nella regione Lazio, più precisamente a Cittaducale in provincia di Rieti.