Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni Rapallo, ecco la squadra del Pcl, Carannante: “L’unica lista di sinistra”

Rapallo. Il Partito Comunista dei Lavoratori lanciò nel mese di agosto 2011 un appello, a tutte le forze politiche di sinistra: “Incontriamoci, uniamoci per elaborare un programma politico costruito intorno agli interessi reali dei proletari rapallesi”.

“Una proposta semplice e chiara, tutt’altro che ‘ideologica’, ma anzi molto concreta: a chi vuole parlare di tunnel, di fronte mare, di baite in passeggiata, di Central Park e altre amenità che le varie lobbies impongono all’ordine del giorno del dibattito politico, noi diciamo “no”! Rovesciamo il tavolo e mettiamo sul tappeto un altro ordine di priorità: asili, scuole, buoni pasto, contributi per i pendolari, acqua pubblica, servizi di trasporto urbano, sanità, case popolari – spiega il candidato sindaco, Andrea Carannante – Bene, a quella nostra proposta fece seguito un silenzio assordante da parte di tutti i partiti della sinistra: da Rifondazione a SEL, dai Comunisti Italiani al PD. Il perché di questo silenzio è apparso chiaro con la repentina candidatura della Signora Antonella Cerchi, piovuta sulla testa delle locali segreterie poche settimane or sono”.
“Ancora un volta la sinistra aspettava l’arrivo del “messìa”, cioè dell’ imprenditore di turno che la prendesse per mano e la conducesse, docile ed inoffensiva, ad accucciarsi nei salotti buoni della borghesia. Così fu per la candidatura di Nicola Costa 5 anni fa, così è adesso. Così è sempre stato a livello nazionale con il sostegno ai vari Dini, Amato, Prodi, Monti e la loro corte di tecnocrati, così è a livello locale nelle varie giunte affariste PD/Rifondazione/SEL, che da Genova alla Puglia garantiscono alle classi dominanti l’asservimento dei proletari. Di fronte a tutto questo si può chinare il capo e scrollarlo con rassegnazione, oppure si può alzare la testa ed impugnare quella bandiera rossa che gli altri hanno lasciato cadere per terra”, prosegue il candidato.

“Questo abbiamo fatto, facciamo e faremo sempre noi del PCL. Per questo siamo in prima fila mentre infuria la battaglia sull’articolo18, cioè sulla libertà di licenziare nel pubblico e nel privato che il Governo Monti, sostenuto dall’appoggio determinante di PDL e PD, vuole imporre. E per questo siamo in prima anche nelle elezioni amministrative, quando si tratta di lottare contro le burocrazie locali che usano la loro influenza per attuare i progetti governativi sul territorio”, conclude.
Ora ecco la lista completa: Andrea Carannante, artigiano idraulico, 42 anni; Andrea Botto, insegnante, 49 anni; Lina Angiolani, infermiera, 42 anni; Bruno Piero, impiegato, 42 anni; Guido Cecconi, agricoltore-commerciante, 40 anni; Rita Chirra, segretaria, 51 anni; Filippo Costanzo, 40 anni; Dante Dall’Agata, dirigente d’azienda, 46 anni; Raffaella Manca, casalinga, 42 anni; Christian Millemaci, operaio, 27 anni; Paolo Moresi, pensionato, 73 anni; Alessandro Moretti, assistente socio sanitario, 44 anni; Massimiliano Mileto, artigiano edile, 36 anni; Oberto Pacchioni, pensionato 59 anni; Giacomo Pallatella, artigiano impiantista, 46 anni; Roberto Zacconi, artigiano idraulico, 46 anni.