Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cultura, in Liguria il settore tiene la crisi ma non cresce

Più informazioni su

Genova. Bisogna investire maggiori risorse nella cultura per fare crescere qualitativamente la società e allo stesso tempo creare sviluppo. Lo ha sottolineato oggi Banca d’Italia e la Consulta Ligure in un convegno promosso a Genova.

Uno studio elaborato da Banca d’Italia e illustrato da Enrico Beretta evidenzia che l’Italia, nonostante i suoi numerosi artisti e geni conosciuti a livello mondiale, è sotto la media europea per quanto riguarda gli investimenti nel settore culturale, l’occupazione e la domanda di cultura.

Il dato potrebbe essere ancora più strano se si pensa che l’Italia ha ben 47 siti patrimonio dell’Unesco sul totale mondiale di 936 e musei diffusi su tutto il territorio, a differenza degli altri Paesi dove pochi poli museali sono concentrati in poche città. La domanda di cultura sembra però resistere in Italia e in Liguria nonostante la crisi, ma non registra una crescita.

Per il presidente della Consulta Ligure Elmo Bazzano servono interventi pubblici e privati. Dati del 2003, il fatturato italiano del settore culturale, con musei e mostre, cinema, teatro e libri, è di 84 miliardi, il 2,3% del pil, e che gli occupati sono 623 mila, il 2,8% del totale.

Nei Paesi Ue la media è del 2,6% del pil e l’occupazione è del 3,1% (Francia 3,4 del pil). La Liguria è dietro a Lazio e Valle D’Aosta. La spesa pubblica per la cultura è di 13 miliardi l’anno: il 55,4% è dello Stato, il 7,3% delle Regioni, il 32% degli enti locali, comuni in primis.