Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anche 2011 annus horribilis per la carta stampata: a picco i lettori dei quotidiani

Più informazioni su

Il 2011, come da trend in atto e previsioni, non è stato un anno semplice per l’editoria tradizionale: i dati del periodo gennaio-dicembre confermano un calo per la gran parte delle testate nazionali, con qualche piccola eccezione.

Tra i quotidiani, la leadership nazionale è sempre del Corriere della Sera, con una diffusione di 482.800 copie, in calo del -1,47% rispetto allo stesso periodo 2010. Piazza d’onore per La Repubblica con 438.695 copie, (-2,35%). Terzo posto per il quotidiano La Stampa con 273.806 copie (-2,2%)

Per quanto riguarda i quotidiani liguri, continua l’emorragia di lettori per Il Secolo XIX, che registra un calo del 6,5% attestandosi a 73.677 copie. In diminuzione anche i lettori de Il Corriere Mercantile, che con 8.605 copie segna -3,3%.

Alcune testate tengono terreno o contengono la perdita: Il Sole 24 ore (266.596, -0,32%), Avvenire (107.432, +0,43%), Libero (105.796, +0,64%), il Gazzettino (80.541, +1,26%); altri quotidiani invece evidenziano perdite importanti: il Giornale (155.455, -15,39%), la Gazzetta dello Sport (299.929, -5,55%), Tuttosport (94.970, -4,36%), l’Unità (40.641, -8,57%).

Tra i settimanali, anche per il 2011 il leader è Sorrisi e Canzoni Tv con 782.254 copie, -8,19%, seguito da Dipiù con 671.565, -6,02%. Gli andamenti per i periodici sono molto discontinui e vanno da forti perdite a incrementi consistenti. A crescere sono, in particolare, Vero (414.596, +11,22%), Gente (321.975, +1,90%), Vanity Fair (277.327, +0,25%), Top (213.598, +6,18%), mentre le perdite più rilevanti sono per Famiglia Cristiana (486.354, -10,70%), Chi (353.609, -11,21%), Topolino (167.149, -12,82%), Novella 2000 (55.043, -20,70%).

Anche per i mensili la tendenza generale vede prevalere cali rilevanti, ma con qualche eccezione, a partire da Glamour (280.479, +0,99%), Vero Cucina, (162.370, +9,31%), Cosmopolitan (162.310, +10,76%), Class (80.053, +0,71%), mentre evidenziano perdite a doppia cifra, tra gli altri, Casaviva (175.959, -10,04%), Brava Casa (172.299, -11,71%), Starbene (171.457, -17,57%), For Men Magazine (88.469, -10,54%), Max (84.957, -14,23%).

Prosegue anche il calo per i mensili del settore auto, con Quattroruote a -7,79%, Al Volante a -6,83%, AM Automese a -9,44%, Cambio Panoramauto a -16,97% e Gente Motori a -47,53%.