Quantcast

Trasporto pubblico ligure: sciopero rimandato al 17 febbraio, il riparto delle risorse fa già discutere

bus

Genova. A dispetto delle previsioni meteo di questi giorni, il vertice sul Trasporto pubblico locale in programma martedì 14 febbraio in Regione, si preannuncia “caldo”. L’appuntamento è stato fissato stamani a seguito del rinvio dello sciopero di 24 ore previsto per domani (e rimandato al prossimo venerdì 17 febbraio), e dopo che l’assessore ai trasporti Enrico Vesco si è riunito con i sindacati per discutere sul riparto delle risorse per il Tpl.

Dalla Regione è arrivata la disponibilità ad integrare il fondo con 25 milioni di euro facendo salire le risorse per il comparto gomma a 123,8 milioni di euro, la stessa cifra del 2011. Mentre per il “ferro” l’asticella si è alzata da 54 a 89 milioni.

Sempre ammesso che a livello nazionale siano confermati 1,6 miliardi di euro per tutta Italia, alla Liguria mancherebbero comunque all’appello 11 milioni di euro. “Per questo – ha detto oggi Vesco – chiamiamo anche le Province e il Comune di Genova a contribuire per raggiungere il livello di risorse necessario”.

Secondo i conti fatti Genova dovrebbe mettere sul piatto 6 milioni di euro, un’impresa difficile date le casse asfittiche di Tursi.”Noi non ci sottraiamo a dare contributi per il trasporto pubblico locale – sottolinea il vicesindaco Paolo Pissarello – dal 2007 abbiamo sempre incrementato i fondi, ma 124 milioni non sono i 135 stabiliti. Dovremmero metterci intorno a un tavolo e capire il da farsi. La nostra compartecipazione c’è già – ammonisce Pissarello – se non sarà sufficiente bisognerà aspettare ulteriori risorse”.

Inoltre secondo il vicesindaco “i soldi dati non devono servire solo a copertura”, ma anche per uscire da “uno stato di continua precarietà”. La chiamata è per la legge regionale sul bacino unico. “Noi stiamo lavorando ma bisogna andare verso un quadro di sviluppo che dia dignità al comparto” ha concluso Pissarello riferendosi all’eventuale premialità dei percorsi di aggregazione.

In attesa di verificare lo stato dell’arte (e i soldi in cassa) i sindacati tengono alta la guardia e aspettano l’incontro congiunto richiesto a più voci.

Indipendentemente dall’incontro di martedì prossimo, venerdì 17 febbraio rimane confermato lo sciopero di 24 ore del trasporto regionale, con le stesse modalità inizialmente previste per domani.
Il primo marzo si terrà invece lo sciopero generale di 4 ore indetto da tutte le sigle sindacali nazionali a difesa del settore.