Quantcast

Sampdoria, ultima chiamata Marassi: i play off devono passare da Genova

Bogliasco. Aver pareggiato 0-0 a Gubbio non autorizza certo all’ottimismo, ma (è sempre il solito motivetto che tocca ripetere ogni volta che si parla di Sampdoria) la partita contro l’Albinoleffe sul terreno di casa è una di quelle da vincere.

Certo, contro il Grosseto i 3 punti sono arrivati, ma con questa Samp c’è sempre da stare in guardia: chi si aspettava la continuità nei risultati è già rimasto amaramente deluso.

In più c’è il fattore Marassi, che invece di agevolare le prestazioni doriane, puntualmente le rende, e non poco, più difficili. L’ultima partita a Genova è stata rinviata causa freddo, domani ci sarà l’ennesima “prova del nove”, il cammino della A si è maledettamente complicato ed ormai in casa la Samp non può più permettersi di perdere colpi.

L’Albinoleffe è quart’ultimo, 23 punti assieme a Gubbio ed Empoli. Insomma, la preda perfetta. Su 12 partite fuori casa ne ha vinte 2, mentre i pareggi sono 3. Nove punti sui trentasei disponibili. E’ inoltre la seconda peggior difesa del campionato (40 gol) ed il reparto avanzato non fa certo scintille (27 reti appena).

Tutto, dal recupero degli assenti alle dichiarazioni di Pasquale Foggia, fanno pensare che niente potrà andare storto. Rimane quella sensazione, quel calo di prestazioni di quando si gioca in casa. L’effetto Marassi, insomma, che si è già dimostrato più ostico di molte avversarie.