Quantcast
Cronaca

Prostituzione, 5 anni all’ultraottantenne Zappone: sequestrati quattro appartamenti in centro storico

Vicolo, centro storico

Genova. Salvatore Zappone, figura “storica” legata allo sfruttamento della prostituzione nel centro storico, è stato condannato questa mattina dalla prima sezione del Tribunale di Genova a 5 anni di reclusione per sfruttamento della prostituzione ed estorsione nei confronti di una prostituta che era rifiutata di pagare lo sfruttatore.

La sentenza di primo grado, emessa dai giudici Gabrio Barone, Massimo De Plano e Fulvia Maggio, si va ad aggiungere a una lunga lista di precedenti.

Nei confronti dell’ottantaquattrenne pregiudicato, infatti, il Tribunale di Genova aveva emesso lo scorso ottobre un provvedimento di cattura per espiare la pena definitiva di 3 anni, 7 mesi e 11 giorni di reclusione. Un cumulo di quattro sentenze di condanna, emesse tra il 2005 e il 2010, per i reati di sfruttamento della prostituzione, evasione, lesioni aggravate, minacce e porto abusivo d’arma, tutti commessi a Genova tra il 1998 e il 2005.

La sentenza di oggi ha confermato il sequestro preventivo di 4 appartamenti nel centro storico di Genova nella zona della Maddalena, utilizzati per l’esercizio della prostituzione. I carabinieri hanno confermato davanti ai giudici di aver trovato in otto diversi appartamenti, intestati a Zappone e ai suoi famigliari, prostitute di origine sudamericana in abiti succinti e in alcuni casi in compagnia dei clienti.

Zappone è attualmente imputato di minacce nei confronti della testimone del processo che si è chiuso oggi. Secondo l’accusa avrebbe detto alla donna: “Quando uscirai dal Tribunale non ci saranno giudici né carabinieri”.