Politica

Produttività parlamentare, i genovesi non brillano: Rossa e Musso i più “virtuosi”

Liguria.Se il posto fisso è monotono, l’attività parlamentare non lo è di certo, almeno in Liguria. A scorrere la speciale classifica sull’indice di produttività parlamentare redatta da Openpolis, deputati e senatori liguri, genovesi in primis, non brillano né per presenza né per efficacia del lavoro.

Sia per palazzo Madama sia per Montecitorio, prima di trovare i rappresentanti genovesi, bisogna scorrere la classifica a lungo, anche se con una certa differenza tra i due diversi rami del parlamento. Secondo i due parametri “tasso di assenza” e “indice di produttività”, presi in esame da Openpolis, la Liguria si attesta a metà classifica in Senato, e invece cade in penultima posizione per quanto riguarda i suoi rappresentanti alla Camera.

Beffa del destino, tra i liguri il primo “virtuoso” (posizione 31) è proprio il senatore Luigi Luisi, in piena bufera giudiziaria, espulso dal Pd, ed esortato da molti a lasciare il posto a palazzo Madama.

Tra i genovesi invece spicca il candidato sindaco, Enrico Musso, eletto senatore con il Pdl, ora esponente del Partito Liberale. Miglior prestazione con un tasso di assenza al 2,95% (a discapito di quelle in consiglio comunale), e un indice di produttività di 190,9 (1209 al primo classificato, il siciliano Gianpiero D’Alia). Diciotto i disegni di legge firmati da Musso e 229 gli emendamenti.Ha votato 251 volte (4.90% sul totale dei voti) differentemente dal proprio gruppo parlamentare (voti ribelli).

Segue a gran distanza (173°posto)la possibile rivale Roberta Pinotti, candidata alle primarie del centrosinistra e aspirante sindaco: 16,28% tasso di assenza e un indice di produttività di 108,3. (20 disegni di legge da prima firmataria e 97 emendamenti). Ha votato 29 volte (0.64% sul totale dei voti) differentemente dal proprio gruppo parlamentare (voti ribelli).
Verso fondo classifica il senatore Pdl, Giorgio Bornacin (pos. 245) assenze pari al 12,75 % e indice di produttività 64,8 (5 disegni di legge, 82 emendamenti).

Situazione differente a Montecitorio: il deputato genovese più virtuoso in 66esima posizione è l’onorevole Pd, Sabina Rossa, con indice di produttività 311,5 (dieci disegni di legge e 36 odg) e 94,72% di presenze. Ha votato 68 volte (0.74% sul totale dei voti) differentemente dal proprio gruppo parlamentare (voti ribelli). In 4 votazioni ha fatto battere la maggioranza di Governo con assenze o voti diversi da quelli del proprio gruppo.

Poco dopo si classifica il segretario regionale Idv, Giovanni Paladini (pos. 73) con indice 298,2 e il 10,24 % di assenze (cinque disegni di legge e ben 482 emendamenti). Ha votato 79 volte (0.91% sul totale dei voti) differentemente dal proprio gruppo parlamentare (voti ribelli).
In 4 votazioni ha fatto battere la maggioranza di Governo con assenze o voti diversi da quelli del proprio gruppo. Ha votato contrario alla manovra Salva Italia.

Bisogna invece fare un balzo di quasi un centinaio di postazioni prima di arrivare al terzo: Michele Scandroglio, Pdl, (pos. 158), indice 210,6 e assenze 11,05 %. Firmatario di 10 disegni di legge e 9 emendamenti.Ha votato 101 volte (1.18% sul totale dei voti) differentemente dal proprio gruppo parlamentare (voti ribelli). In 6 votazioni ha fatto battere la maggioranza di Governo con assenze o voti diversi da quelli del proprio gruppo.

Più o meno a metà classifica, invece, Roberto Cassinelli (262esimo) con pochissime assenze 0,21% e un indice di produttività pari a 149,1 (34 i disegni di legge da primo firmatario e 17 emendamenti). In una sola votazione ha fatto battere la maggioranza di Governo con assenze o voti diversi da quelli del proprio gruppo.

Una trentina di postazioni più in basso c’è il deputato Pd Mario Tullo (pos. 291) con 139,2 di indice di produttività e 96,35% di presenze (2 disegni di legge, 42 emendamenti).

Il collega del Pdl, Sandro Biasotti, ex governatore ligure, è invece al 407esimo posto, con 105,8 di indice di produttività (3 disegni di legge e 11 emendamenti da primo firmatario) e il 10,19% di assenze. Segue la parlamentare del Tigullio in quota Udc, Gabriella Mondello (427esima): 98,5 indice di produttività (1 disegno di elgge e 2 emendamenti) e 12,28 % di assenze accumulate.