Quantcast
Cronaca

Calcioscommesse, due partite della Samp nel mirino degli inquirenti

simone bentivoglio

Genova. Capozucca ha detto di aver piena fiducia in tutti i giocatori che hanno militato nel Genoa (e qualche mormorio ovvio nella conferenza stampa di presentazione dei nuovi arrivi del Grifone è emerso considerate le cessioni di Milanetto e Dainelli). Dal quartier generale Samp mai una dichiarazione eppure partite e giocatori che gravitano attorno al mondo blucerchiato (ultimo il nome di Bertani) ce ne sono stati. Lindagine va avanti e nuove partite finiscono nel mirino.

Napoli-Samp, Brescia-Bari, Bari-Samp e Bari Roma: le partite di serie A che sarebbero finite sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti nella seconda tranche dell’inchiesta sul calcioscommesse.

30 gennaio 2011: Napoli-Sampdoria (4-0). Vittoria larga dei partenopei (con tripletta di Cavani) che segnano due reti per tempo. L’uruguaiano apre il suo pomeriggio di gloria già al 16′, servito da un passaggio in profondità di Lavezzi. Al 45′ Cavani si procura un rigore (che poi lui stesso trasforma). Su un lancio di Hamsik, Accardi lo aggancia in area e l’arbitro Rocchi fischia. Al 3′ della ripresa ecco il 3-0: sulla sinistra Lavezzi brucia in velocità due avversari e dal fondo serve Hamsik. Lo slovacco evita Accardi ed insacca con un rasoterra. Cavani completa la goleada all’11’, con una conclusione a due passi da Curci, servito ancora da un liberissimo Hamsik.

6 febbraio 2011: Brescia-Bari (2-0). Alla 24/a giornata si affrontano le ultime due formazioni nella classifica di serie A (retrocederanno entrambe). I tre punti vanno ai padroni di casa grazie alle reti di Diamanti su rigore (decretato al 16′ del primo tempo dall’arbitro Rizzoli per un fallo di Gazzi su Koné) e di Caracciolo nei minuti di recupero, che conclude un contropiede battendo Gillet con un tiro in diagonale. Con questa vittoria il Brescia scavalca il Cesena (22 punti contro 21).

23 aprile 2011: Bari-Sampdoria (0-1). Arbitra Gervasoni, di Mantova. La 34/a giornata emette il primo verdetto: Bari matematicamente retrocesso. La Sampdoria, invece, continua sperare dopo aver colto su rigore un successo importantissimo. Lo realizza Pozzi al 14′ del secondo tempo, trasformando dal dischetto il penalty fischiato per un contatto in area (non clamoroso) tra il barese Huseklepp e Poli. Lo stesso Poli un minuto prima aveva colto la traversa.

1 maggio 2011: Bari-Roma (2-3). E’ il posticipo della 35/a giornata. Il Bari, ormai in B, passa in vantaggio con Bentivoglio al 25′ del primo tempo, su rigore concesso da Russo per un fallo di mano di Juan. Totti pareggia su punizione al 30′, approfittando di una barriera mal posizionata. Il Bari raddoppia al 45′ con una deviazione di testa di Huseklepp. Protagonista della partita fu anche l’ex blucerchiato Bentivoglio che prese una gomitata da De Rossi. Nella ripresa altro rigore, questa volta per la Roma (plateale trattenuta di Belmonte su Juan). Lo trasforma Totti. Che invece, sempre dal dischetto, calcia sul palo al 34′, con una leggera deviazione di Gillet. Russo concede ben 7 minuti di recupero. Il barese Ghezzal coglie una traversa e, al 50′, Rosi realizza la rete del successo giallorosso.