Quantcast

Bit, Genova 2012 riscopre le sue vocazioni: De Andrè, il teatro, la scienza, il mare

panorama genova

Genova. Genova, con il suo mare, i suoi palazzi nobiliari inseriti nel Patrimonio Mondiale dell’Unesco, il centro storico più esteso d’Europa è una città dai mille volti. Ricca, viva, dinamica, innovativa, aperta ai giovani e luogo di incontro sempre più multiculturale.

La nuova vocazione turistica della città è dimostrata da un positivo trend di crescita dei flussi dei visitatori, trend rimasto costante negli ultimi anni, nonostante il periodo di forte crisi economica. I dati 2011 hanno fatto rilevare un incremento degli arrivi, soprattutto di stranieri e – dato ancor più significativo – un aumento delle presenze, elemento questo che ha un riflesso ancor più evidente sull’indotto economico; rileviamo infatti un aumento delle presenze degli italiani del 3,22%, mentre ancor più eclatante risulta il dato delle presenze degli stranieri: +10,36% rispetto al 2010.

Oggi Genova è sempre più spesso scelta per ospitare grandi eventi nazionali e internazionali e si sta affermando come “città d’arte”. Il bilancio 2011 dei musei si è chiuso infatti in attivo: i visitatori hanno toccato quota 544.223. Si tratta di un risultato più che lusinghiero che si inscrive nella tendenza positiva inaugurata nel 2004. Dopo l’anno in cui Genova è stata Capitale europea della cultura, gli anni successivi hanno registrato un sostanziale consolidamento ed un ulteriore incremento fino alle cifre degli ultimi anni.

Sabato 25 febbraio 2012 verrà inaugurato con una grande festa cittadina uno dei luoghi di culto dei tanti fan di Fabrizio De Andrè, meta di veri e propri pellegrinaggi da ogni parte d’Italia. È lo storico negozio di Via del Campo appartenuto a Gianni Tassio, grande amico del cantautore genovese, e rilevato – con i tantissimi dischi, i ricordi e le “tracce” di Faber, tra cui anche la sua chitarra “Esteves” – dal Comune di Genova. L’ amministrazione comunale – dopo aver emesso un bando di gara – ha affidato la gestione ad un privato che lo trasformerà nella Casa dei cantautori e ne esalterà le potenzialità non soltanto artistiche ma anche turistiche. In programma anche un calendario settimanale di visite guidate nel centro storico alla ricerca delle suggestioni delle immortali canzoni del cantautore genovese.

Nel programma di valorizzazione del Centro Storico di Genova si inseriscono inoltre le nuove audio guide che saranno disponibili dalla prossima primavera in sei lingue: italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo. Questo servizio totalmente nuovo dedicato ai visitatori della città, costituisce un importante passo avanti per la fruizione delle bellezze artistiche cittadine. Il visitatore, al momento dell’acquisto, verrà munito di una piantina cartacea del Centro Storico per meglio orientarsi nell’intrico dei vicoli della città antica e raggiungere le principali attrazioni.

Nel 2012 tre importanti centri culturali e turistici di Genova – Palazzo Ducale, Porto Antico e Acquario – compiranno 20 anni e anche l’architetto Renzo Piano sarà presente alla grande festa di compleanno che si terrà il 20 maggio.

Porto Antico di Genova S.p.A., società partecipata al 51% dal Comune di Genova, al 39% dalla Camera di Commercio e al 10% dall’Autorità Portuale di Genova, gestisce dal 1995 l’area del porto storico restituita alla città, con l’obiettivo di renderla sempre più vivibile e godibile tutto l’anno, attraverso la realizzazione di iniziative culturali, lo sviluppo dell’attività congressuale e la realizzazione di strutture nell’interesse generale. L’Acquario di Genova propone un’offerta turistica e culturale basata sul concetto di esperienza edutainment, capace cioè di coniugare il divertimento e l’apprendimento; nel 2011 ha ottenuto il 3° posto nella classifica delle attrazioni più apprezzate in Europa su TripAdvisor®, il più grande sito di recensioni di viaggio al mondo.

Insieme all’Acquario a dare forza alla vocazione di Genova come città del mare c’è il Salone Nautico Internazionale che si svolgerà quest’anno dal 6 al 14 ottobre 2012. Con 1.300 espositori e 2.000 barche, il Salone è il punto di riferimento mondiale per l’industria nautica e per tutti i diportisti. Organizzato da Fiera di Genova in partnership con Ucina, l’Associazione di categoria dell’industria nautica da diporto, rappresenta un connubio perfetto tra business e aggiornamento, cultura del mare, sport e spettacolo.

Ma Genova è anche la “Città Dei Teatri”. E non soltanto per il numero considerevole di spettatori che affollano le sale cittadine. Da molti anni infatti è diventata uno dei luoghi più qualificati in Italia per la produzione e l’ospitalità di spettacoli. Accanto al Teatro Carlo Felice e al Teatro Stabile si sono affermate anche altre realtà e sono cresciute molte compagnie che rendono il panorama vivo e stimolante.

La Stagione 2011-2012 del Teatro Stabile propone – ancora nel 2012 – alcuni titoli molto significativi e altre iniziative “collaterali” di grande richiamo: su tutte il ciclo di letture dedicate ai “Dialoghi di Platone”, introdotti da alcuni prestigiosi intellettuali italiani – Gianni Vattimo, Vito Mancuso, Massimo Cacciari, Giulio Giorello – e affidati alla voce di attori di primo piano, tra cui Elisabetta Pozzi ed Eros Pagni. La stagione 2012-2013 sarà inaugurata ad ottobre al Duse dalla messa in scena di “Molto rumore per nulla” di William Shakespeare, da parte di un gruppo di attori e registi cresciuti alla scuola dello Stabile.

Anche la prossima stagione del Teatro Carlo Felice offrirà un ampio repertorio che spazia dai classici titoli lirici a opere inedite, concerti sinfonici e balletto, sia classico che contemporaneo, con aperture al jazz e alla musica d’autore, senza tralasciare una parentesi dedicata alla “Stagione per ragazzi” presso l’Auditorium o in collaborazione con altri teatri genovesi.

E poi la scienza, diventata uno dei punti d’eccellenza della città. La decima edizione del Festival Della Scienza – che prevede il coinvolgimento anche di paesi europei – si terrà a dal 25 ottobre al 4 novembre 2012 e avrà come parola chiave Immaginazione. Nella scorsa edizione, dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia, erano state 200mila le presenze. La filosofia del Festival è rimasta nel corso di questi anni immutata: rendere la scienza accessibile a tutti – al pubblico di ogni età, agli studenti e agli esperti – grazie alla varietà degli argomenti trattati, alla partecipazione attiva alle iniziative in programma e a una capillare diffusione nel territorio.

Genova si è infine candidata a ritornare Città Giardino d’Europa, grazie al nuovo Piano Urbanistico Comunale. I tanti percorsi tra Ville e Parchi storici – dai Parchi di Nervi, sede del Polo museale che ospita la Galleria d’Arte Moderna, al Parco di Villa Pallavicini a Pegli, fino al Parco di Villetta di Negro con il Museo d’Arte Orientale Chiossone – offrono la possibilità di coniugare natura e arte nell’ottica del rilancio di una nuova forma di green economy, quella del turismo ambientale. Proprio per sensibilizzare la cittadinanza – in modo particolare le giovani generazioni – sui temi ambientali e dell’ecosostenibilità il Comune di Genova ha aperto il 19 ottobre scorso Palazzo Verde ai Magazzini dell’Abbondanza.