Cronaca

Asilo Cip&Ciop, perizia di una delle maestre: “Instabile, ma in grado di essere processata”

Genova. “Instabile ma in grado di stare in giudizio”; questo è quanto sostiene il perito Gian Luigi Rocco, nominato per fare una valutazione psichiatrica di Anna Laura Scuderi, una delle due maestre sotto processo per aver aver maltrattato i bimbi dell’asilo Cip&Ciop di Pistoia.

Stamattina Rocco ha depositato la consulenza nella cancelleria del gup Roberto Fucigna. A causa dello sciopero degli avvocati l’udienza è stata quindi rinviata al 9 maggio per la discussione. La perizia psichiatrica doveva valutare se la maestra fosse, all’epoca dei fatti, in grado di intendere e di volere, anche parzialmente.

L’esame era stato chiesto dalla difesa della Scuderi e il pm Silvio Franz non si era opposto. La maestra e la sua collega – Elena Pesce – sono accusate di maltrattamenti aggravati dalle lesioni gravi in concorso. La contestazione dell’aggravante era stata fatta dal pm in sede di incidente probatorio, dopo l’esito della perizia psichiatrica sui bimbi dell’asilo, secondo la quale su 15 di loro sono state riscontrate lesioni psichiche gravi. Le due maestre furono arrestate il 2 dicembre 2009. L’inchiesta fu trasferita a Genova perché uno dei bambini dell’asilo è figlio di un magistrato toscano e, per questo, non poteva occuparsene la Procura di Pistoia.